email print share on facebook share on twitter share on google+

VENEZIA 2018 Fuori concorso

Valeria Bruni Tedeschi • Regista

“L’ironia ci aiuta a vivere”

di 

- VENEZIA 2018: Abbiamo parlato con Valeria Bruni Tedeschi del suo nuovo film, I villeggianti, in cui interpreta anche il ruolo principale, circondata dalla sua vera famiglia e dagli amici

Valeria Bruni Tedeschi  • Regista
(© La Biennale di Venezia - foto ASAC)

Interpretato al fianco di Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, oltre al regista veterano Frederick Wiseman in un sorprendente cameo, Valeria Bruni Tedeschi racconta ne I villeggianti [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Valeria Bruni Tedeschi
scheda film
]
la storia di una famiglia che tenta di affrontare un trauma del passato durante una vacanza estiva in Costa Azzurra, attingendo alle proprie esperienze. Abbiamo conversato con lei durante la Mostra del Cinema di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Digital Production Challenge - DPC II 1 Internal

Cineuropa: Il suo personaggio, Anna, è una regista alle prese con l’improvvisa fine del suo matrimonio. Che cosa l’ha portata a non nascondere nessuna delle sue debolezze?
Valeria Bruni Tedeschi: Nel mio film nessuno è figo. Ma mi piacciono i miei personaggi, se non fosse così, significherebbe che non sono riuscita nel mio lavoro. Anna mi fa male, ma quando parlo di lei come regista posso essere un po' ironica. L'ironia ci aiuta a vivere.

Anna non è l'unica a soffrire. Tutte queste persone si sono riunite in questo posto meraviglioso, è estate, eppure c'è così tanto dolore in corso.
La vita è piena di dolore. Nessuno è al riparo dal dolore, dalla solitudine, dalla malattia e dalla morte. Nessuna casa o nessuna somma di denaro può proteggerci da questo. Parlo di determinate persone in un determinato posto ma, alla fine, parlo di tutti noi. Quello che sto cercando di dire è che siamo tutti sulla stessa barca: può esserci una perdita, può essere piena di buchi e finiremo tutti per morire, ma le risate, l'ironia e la comprensione che la nostra condizione è ridicola possono davvero aiutarci. Cechov era solito dire che la condizione fondamentale di ogni essere umano è essere ridicolo. È bello ricordarlo. 

Questa è una discussione che ho avuto con un certo numero di registi nel corso del festival: è difficile mescolare la finzione con la realtà?
Sì, ma quando si parla di cinema, tutto è difficile, anche quando si adatta un libro. Il mio film è un adattamento della vita, che poi devi cambiare. Ho parlato con la mia famiglia e ho scoperto che i loro limiti non sempre sono gli stessi miei. Quindi sì, ci sono conflitti. Ma io vengo da una famiglia di artisti e mia madre, quando le viene data l'opportunità di interpretare un personaggio bellissimo, vorrà sempre farlo. Non abbiamo paura dell'arte, ha sempre avuto una forte presenza nella nostra casa. Io gioco con la verità, ma quando mia figlia, mia madre o i miei amici compaiono nel film, interpretano personaggi di finzione. L'unica vera differenza è che ho già un passato con loro, quindi non è qualcosa che ho bisogno di creare.

C'è un'idea espressa nel film che, come artista, si ha il diritto di "rubare". Lei è d'accordo con questo?
Non lo chiamerei rubare. La condizione umana è così difficile ed è importante provare a vedere un po' di luce in tutto questo. Devo davvero sentirmi in colpa per questo? Penso che osservo semplicemente le cose e poi provo a mostrare ciò che ho visto. Non fingo di sapere come risolvere i nostri problemi, il che è un peccato! Mi piace molto lavorare e che questo sia ​​un processo terapeutico, allo stesso tempo. Pensaci, fare soldi mentre aiuti te stessa: funziona! Il fatto è che, come si dice nel film, ho davvero bisogno di lavorare. È come respirare per me e, semplicemente, mi fa funzionare meglio. Lavoro per incontrare persone e, magari, per innamorarmi, ma non perché renda le cose meno dolorose.

Ha deciso di parlare di molestie sessuali. Che cosa l’ha convinta a farlo?
Mi ci sono voluti cinquant’anni per dire qualcosa su questo, è un tempo molto lungo. Ho una figlia ora e quando hai dei bambini, ti rendi conto che sono molto consapevoli di questo problema. Sono molto sensibili e ne sentono così tanto parlare che tutto comincia a sembrare minaccioso per loro. È lo stesso per gli adulti. Siamo tutti seduti nei nostri uffici, troppo impauriti per guardarci l'un l'altro per evitare di fare qualcosa che ci metta nei guai. Ogni relazione che costruiamo, sia al lavoro che nella nostra vita sociale, è di diffidenza. Stiamo diventando un po' paranoici. È lo stesso con la questione della rappresentazione qui al festival, non vorrei mostrare il mio film nella competizione principale solo perché sono una donna. Vorrei mostrarlo perché qualcuno ha pensato che fosse abbastanza buono. Credo in una rappresentazione di genere equilibrata, ma non quando si parla di arte.

Il film è percorso dalla presenza costante di un fratello morto. È stato difficile scegliere di incorporare questo elemento del film, visto che ha vissuto un'esperienza simile?
Queste erano alcune delle scene più difficili. Potevano facilmente risultare non vere, ma volevo avere di nuovo mio fratello accanto a me [il vero fratello della regista, Virginio Bruni Tedeschi, è morto nel 2006]. È come rivedere un vecchio amico e gridare: "Come stai? Non ti vedo da così tanto tempo!". Il cinema ha questo potere di invocare i morti; ti permette di vivere con loro al tuo fianco ancora per un po'. Questo è ciò che lo rende così magico.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche