email print share on facebook share on twitter share on google+

Don Cheadle • Attore

Una battaglia per l'Africa

di 

- Scoperto con Il diavolo in blu, confermato in Traffic e Ocean's Twelve, l'attore Don Cheadle è esploso con Hotel Rwanda, in cui è Paul Rusesabagina

Don Cheadle • Attore

Scoperto con Il diavolo in blu, poi confermato grazie alle interpretazioni in Traffic, Boogie Nights e Ocean's Twelve, l'attore Don Cheadle è esploso con Hotel Rwanda, film in cui è Paul Rusesabagina, il manager di un hotel di Kigali che ha salvato 1268 ruandesi rischiando la propria vita durante il genocidio del 1994. Questo ruolo lo ha portato alla prima nomination agli oscar della carriera.

Come ha lavorato su questo personaggio vero?
Appena ho accettato il ruolo, ho contattato Paul Rusesabagina. Gli ho fatto decine di domande via e-mail e al telefono. Volevo capire come è fatto. Poi quando siamo andati a lavorare in Sud Africa lui era lì. L'ho osservato bene. Lui si è aperto completamente e ci ha raccontato la sua vita. E dato che sapevo che Paul aveva partecipato fin dall'inizio della scrittura del film, potevo lasciarmi guidare dal regista Terry George.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo film può cambiare il nostro sguardo sull'Africa?
Sinceramente lo spero. Puo darsi anche che la gente guardi questo film, si dica quanto è orribile la situazione in Africa, e poi torni a cena. L'attenzione dedicata a un evento è molto breve e quindi bisogna approfittarne velocemente. Hotel Rwanda ha un sito internet sul quale si pò concretamente dare un aiuto alle popolazioni africane. Senza questo film, credo che nessuno darebbe importanza ai problemi che ci sono ora in Darfour e in Congo.

Ha ricevuto una nomination per questo film. E' importante per lei?
Le nomination sono molto utili per questo tipo di film. Si dice che una candidatura è già un premio. In questo caso è proprio vero, visto che permette di attirare l'attenzione sull'Africa. Il mio desiderio è di mettere la mia celebrità al servizio della causa africana. Ho l'opportunità di farlo perché, grazie al film e alla nomination, vengo ascoltato di più.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche