email print share on facebook share on twitter share on google+

Giorgio Pasotti • Attore

Buster Keaton si nasconde a Torino

di 

- Parla 5 lingue, è stato campione di arti marziali e insolito volto occidentale del cinema di Hong Kong. Nel cinema italiano ha esordito nel 1998

Giorgio Pasotti • Attore

Parla 5 lingue, è stato campione di arti marziali e insolito volto occidentale del cinema di Hong Kong. Nel cinema italiano ha esordito nel 1998 con Piccoli maestri di Daniele Luchetti. Poi, Giorgio Pasotti ha interpretato L'ultimo bacio di Gabriele Muccino, e la serie tv Distretto di polizia. Nel 2004 l'attore bergamasco torna sul grande schermo con due ruoli inusuali per il cinema italiano. Davide Ferrario l'ha chiamato a vestire i panni di Martino, protagonista di Dopo mezzanotte, piccolo film che ha conquistato il pubblico della Berlinale e quello italiano.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Raccontaci il personaggio di Martino.
Dopo mezzanotte è una dichiarazione d'amore per il cinema nel momento in cui finisce l'era della celluloide e comincia quella del digitale. E' anche una storia d'amore, una sorta di Jules and Jim con personaggi molto diversi tra loro. Martino ha 25 anni, è goffo e taciturno. A differenza dei suoi coetanei che si aprono al mondo ha deciso di ritirarsi. Diventa il custude notturno della Mole Antonelliana, e dunque del Museo del Cinema, spinto dal desiderio di estraniarsi più che dall'inclinazione cinéphile. Quel luogo fantastico, diventa il suo regno, e il cinema la via principale di approcciare il mondo.

Tanto che a un certo punto diventa regista...
Si. Con una camera degli anni Venti gira un piccolo film: mette insieme pezzi di vita quotidiana e immagini d'epoca di Torino. Lo mostra a Barbara, la ragazza che trova rifugio alla Mole, per dichiararle il suo amore. Lo offre anche al pubblico in sala che ha la sensazione di vivere una favola e torna alla dimensione del cinema delle origini: l'immagine in movimento come spettacolo.

Che indicazioni ti ha dato Davide Ferrario?
Il punto di riferimento è stato Buster Keaton. Davide mi ha portato molti suoi film. L'interpretazione è giocata sulla corpororeità e le movenze. Ho dovuto imparare a dosare i movimenti per trovare la giusta misura tra aspetto surreale e credibilità del personaggio. La pratica delle arti marziali, da cui ho acquisito un grande controllo sul mio corpo, mi ha molto aiutato.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche