email print share on facebook share on twitter share on google+

Sandra Hueller • Attrice

È nata una stella

di 

- Il 2006 è partito bene per la ventottenne Sandra Hueller, nuova luminosa stella del firmamento cinematografico tedesco

Sandra Hueller • Attrice

Tutto è iniziato a gennaio, con il Premio Bavarese alla Miglior Attrice Esordiente per la sua prova in Requiem [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hans-Christian Schmid
intervista: Hans-Christian Schmid
intervista: Sandra Hueller
scheda film
]
, nuovo lungometraggio di Hans-Christian Schmid. Soltanto un mese dopo, la Hueller è sotto i riflettori della Berlinale poiché la Giuria internazionale, guidata dalla leggendaria attrice britannica Charlotte Rampling, le ha assegnato l’Orso d’Argento alla Miglior Attrice. Successivamente, a metà maggio, i 750 e più membri della German Film Academy l’hanno incoronata con il German Film Award (Lola) d’Oro alla Miglior Attrice - assieme ad altri quattro Lola al film di Schmid.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nonostante la giovane età, Sandra ha già una carriera nel mondo teatrale tedesco. Eletta Attrice emergente dell’anno da Theater heute nel 2003, è passata da un trionfo all’altro, nei quattro anni successivi, sui palcoscenici della città svizzera di Basilea. Trasformare la sua passione per la recitazione, un giorno, in un vero lavoro, non era nei suoi piani di ragazza della Turingia: "Ho iniziato a partecipare ai workshop teatrali a scuola, e mi divertivo, ma non ho mai pensato potesse essere un lavoro per me. Era un hobby". Si è iscritta, successivamente, all’Accademia teatrale Ernst Busch a Berlino, e ha iniziato gli studi nel 1996. "Il regime era duro, ma era una buona preparazione per perfezionare le proprie doti di attore", ricorda Sandra dei suoi anni alla Ernst Busch, alla quale ha fatto seguito il suo primo vero lavoro con Claudia Bauer al Theaterhaus Jena per due anni, prima di diventare membro dell’ensemble di Basilea nel 2002.

Sin dai tempi in cui era studentessa, Sandra ha sempre fatto incursioni occasionali al cinema, recitando nei cortometraggi. "Durante le pause estive utilizzavo il tempo per fare esperienza lavorando davanti alla telecamera" spiega. "Il contatto con i filmmaker avveniva attraverso il mio agente o amici che avevano lavorato in film studenteschi". "Sono arrivata a Requiem nel modo classico" continua, "mi hanno mandato la sceneggiatura e ho incontrato Hans-Christian Schmid molte volte durante l’estate per parlare della parte”. Chi guarda il film potrebbe pensare che il lavoro svolto da Sandra sia stato particolarmente faticoso per lei. "Non c’erano scene che proponevano, in particolare, delle sfide”, osserva. “Le sfide erano su tutto il percorso, ma ricordo le riprese come un momento molto piacevole con un team incredibile di persone che Hans-Christian ha riunito per lavorare insieme a lui in tutti i suoi film”. È piena di complimenti anche per il giovane direttore della fotografia, il polacco Bogumil Godfrejow, che si aggirava per il set con la sua telecamera a mano fissa sull’azione. "E si poteva avere sempre fiducia nel fatto che avrebbe ripreso tutto”, sottolinea Sandra. "È sempre lì, ma non impone la sua presenza come altri cameramen. Ed è sempre rapido, e non ha bisogno di molto tempo per essere pronto per la scena successiva".

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche