email print share on facebook share on twitter share on google+

Oleg Mutu • Produttore

Produttore e direttore della fotografia

di 

- Il vincitore della Palma d’Oro è stato prodotto dal regista Cristian Mungiu e dal direttore della fotografia Oleg Mutu per la loro casa di produzione Mobra Films

Oleg Mutu • Produttore

Cineuropa: Ci racconta un po’ della creazione di Mobra Films e del perché molti filmmaker rumeni sembrano interessati a fondare case di produzione proprie? Quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi?
Oleg Mutu: Non avrei mai immaginato di essere produttore o direttore della fotografia. Ho cominciato a lavorare come cameraman in tv, poi ho studiato fotografia e, pian piano, ho iniziato a fare. Assieme a Cristian Mungiu e Hanno Höfer, abbiamo creato Mobra Film per poter produrre i nostri film, visto che eravamo scontenti della collaborazione con altre case di produzione per le nostre pellicole precedenti. Da un lato, è più facile fare un film stando su entrambi i versanti, quello creativo e quello produttivo. Il legame tra loro è molto più forte ed il lavoro è più liscio. Dall’altro lato, si ha bisogno di molta energia per riuscire a gestire tutto ciò che riguarda la produzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Com’è stata l’esperienza di Quattro mesi, tre settimane e due giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
da produttore, soprattutto in un paese piccolo e con la produzione stretta in tempi brevi?

Lavorare a questo film ha richiesto molto impegno, poiché ero direttore della fotografia durante le riprese e mi occupavo di produzione — non sempre facile — subito dopo. Era una sfida riuscire a farcela su entrambi i versanti allo stesso tempo. Tutto è successo così velocemente, abbiamo avuto momenti difficili, abbiamo fatto sforzi ma il risultato finale di questo progetto è un riconoscimento eccezionale. La Romania non è un paese piccolo ma non offre molte opportunità per fare film. Le nuove generazioni, noi compresi, hanno però dimostrato che le idee, il talento e la passione per questo lavoro fanno la differenza.

Come descrive la sua relazione professionale con Cristian Mungiu?
Cristian ed io abbiamo studiato nello stesso periodo, eravamo colleghi e abbiamo continuato a lavorare insieme anche dopo l’accademia, per corti e pubblicità. Siamo amici molto stretti. Lo stesso per Hanno, e sin da quando ci siamo conosciuti, siamo riusciti ad ottenere molto insieme.

Come si collega il suo lavoro in La morte del signor Lazarescu [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
a Quattro mesi, tre settimane e due giorni? Sente di avere uno stile distintivo o ogni progetto parte da zero?

Lo stile visivo di ciascun progetto dipende dallo script, e da come il regista ed io lo definiamo prima di iniziare le riprese. Altre idee vengono poi e quindi non c’è uno schema fisso che applico.

Cosa le piacerebbe produrre e girare in futuro e aspira a dirigere un suo film un giorno?
Mi piacerebbe produrre un film nel mio paese, la Repubblica di Moldavia, forse anche girandolo, ma non ho intenzione di passare alla regia. Per il prossimo futuro, sogno di rilassarmi e fare vacanze serene! Altri progetti poi arriveranno.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche