email print share on facebook share on twitter share on google+

BOX OFFICE Italia

Aprile: frequentazione in rialzo e quota del 37% per i film italiani

di 

Rallenta in aprile l'andamento negativo del cinema in Italia: lo scorso mese, si sono venduti 6 milioni 294 mila biglietti, ossia -14,48% rispetto ad aprile 2010 (il confronto a marzo era -24,53%), e si sono incassati 39 milioni 503 mila euro, -18,57% rispetto ad aprile dello scorso anno (a marzo era -32,52%). E' quanto rilevato dal campione Cinetel, pari all'85% del mercato.

La ripresa si deve all'attenuazione del difficile confronto con i film in 3D usciti nei primi mesi dell'anno scorso (Avatar, Alice in Wonderland), mentre restano buoni i risultati dei film italiani e di coproduzione, con una quota di mercato in aprile del 37,03% (era al 34,19% nell'aprile 2010).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La produzione Usa è in forte recupero, con una quota del 59,91% rispetto al 39,79% dell'aprile 2010, mentre per gli altri paesi si assiste a un vero crollo: il Regno Unito passa dal 10,87% del 2010 all'1,84% del 2011, la Francia dal 10,62% allo 0,33%.

Il film campione di incasso di aprile è Rio con 5 milioni 326 mila euro, seguito da Habemus papam [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nanni Moretti
intervista: Nanni Moretti
scheda film
]
con 4 milioni 164 mila euro e da Limitless con 3 milioni 95 mila euro, tutti usciti a metà mese.

Quanto ai dati del quadrimestre, tra gennaio e aprile si sono venduti 46 milioni 191 mila biglietti, -7,95% rispetto allo stesso periodo 2010, e si sono incassati 270 milioni 131 mila euro, -14,71% in confronto ai primi quattro mesi dello scorso anno. Anche in questo caso, pesa la differenza con il prezzo maggiorato del 3D nei primi mesi del 2010.

Resta infine molto alta la quota di mercato dei film italiani e di coproduzione nel primo quadrimestre: 54,94% (era 32,79% a gennaio-aprile 2010), mentre rimane al di sotto dello scorso anno quella dei film Usa (51,58% contro 58,25%).

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.