email print share on facebook share on twitter share on google+

ISTITUZIONI Italia

La Direzione risponde alle preoccupazioni del SNGCI riguardo a "Cineuropa senza l'Italia"

In risposta a un articolo pubblicato sul quotidiano L'Unità il 6 maggio scorso e ripreso da varie testate web, la Direzione di Cineuropa smentisce che sia in atto una liquidazione della redazione italiana del sito. Si tratta di informazioni errate, in quanto gli italiani che lavorano per Cineuropa sono attualmente 10, su un totale di 19 persone, tra cui il nuovo caporedattore, il direttore, la responsabile della banca dati, la grafica, il web master e diversi giornalisti e traduttori. La copertura dell'attualità cinematografica italiana continua ad essere garantita e il sito è tradotto integralmente in italiano.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La Direzione di Cineuropa non ha rinnovato il contratto a un solo giornalista in seguito a divergenze inerenti il contesto di rinnovamento del sito.

In un comunicato diffuso ieri, il SNGCI ha espresso preoccupazione per Cineuropa, "dal 2002 uno degli strumenti più preziosi per l'informazione sul cinema europeo ma anche per la diffusione della comunicazione sul cinema italiano in Europa". Secondo il SNGCI, "la rimozione inattesa del vertice della redazione italiana e di una parte rilevante dello staff italiano del sito sono infatti un segnale allarmante che di fatto non sembra tener conto dei risultati raggiunti nel tempo né della credibilità e della considerazione che i lettori della testata, soprattutto professionali, riconoscono da sempre alla pagina italiana di Cineuropa".

Il Presidente di Cineuropa, Hubert Toint, a nome del Consiglio di Amministrazione, risponde alle preoccupazioni legittime del Sindacato, assicurando che "le recenti modifiche avvenute nello staff di Cineuropa non comprometteranno la qualità della testata né rimetteranno in discussione la presenza consistente di personale italiano in seno alla redazione. Il progetto è nato e si è sviluppato in Italia, la maggior parte dei collaboratori rimarrà italiana e una parte maggioritaria del contributo dell'Unione europea continuerà ad essere investito in Italia", ha dichiarato. "Inoltre, in questa fase, il sostegno della Direzione Generale per il Cinema è essenziale alla missione e all'immagine di Cineuropa così come è vitale e determinante per l'associazione. È nostra intenzione rafforzare la presenza italiana in Cineuropa e rafforzare l'immagine della cinematografia italiana in campo europeo e internazionale", ha concluso.

La Direzione, dal canto suo, assicura che nell'immediato futuro, anche in seguito alla ristrutturazione grafica che si sta apportando al sito, si lavorerà affinché venga creato un comitato redazionale più solido, pilotato da un giornalista italiano, che dia impulso e dinamicità al giornale.

Il Direttore di Cineuropa
Valerio Caruso

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.