email print share on facebook share on twitter share on google+

Just the Wind

di 

- Thriller rurale su sfondo razzista centrato su una famiglia gitana delle grandi pianure braccata da killer. Gran Premio della Giuria a Berlino e finalista del premio LUX 2012.

Just the Wind

Il regista ungherese Benedek 'Bence' Fliegauf ha presentato il suo ultimo film, Just The Wind [+leggi anche:
trailer
intervista: Bence Fliegauf
scheda film
]
, finalista del Premio LUX 2012 del Parlamento Europeo, in concorso al Festival di Berlino, che prosegue per tutta la settimana.

Dopo Womb [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, film in inglese in concorso a Locarno, con Eva Green e Matt Smith, Fliegauf torna in patria per un film in ungherese e ispirato a eventi realmente accaduti tra il 2008 e il 2009, quando numerose famiglie della comunità rom furono oggetto di violente aggressioni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Per raccontare la sua storia, Fliegauf sceglie il ristretto periodo temporale di un solo giorno: all’alba, una madre (Katalin Toldi) si alza e sveglia le due figlie, l’adolescente Anna (Gyongyi Lendvai) e la sorella minore Rio (Lajos Sarkany), che non prende la scuola seriamente come al sorella. La famiglia è completata dal nonno Tomi (Gyorgy Toldi), colpito da ictus.

Durante la giornata, i tre si trovano davanti a casuali episodi di razzismo nei confronti della loro comunità — a lavoro, a scuola e per strada in un discorso fra due poliziotti. Il film dà l’idea di quanto sia radicata l’odio della gente locale verso i rom: nessuno, neanche le vittime, lo trova infatti strano.

Questo atteggiamento e le sue espressioni verbali possono creare però alcuni seri problemi fisici, e la violenza che li attende a fine giornata è già annunciata nei titoli di testa, cosa che aggiunge un senso di paura costante rafforzato da una sobria colonna sonora e da movimenti di macchina sempre vicini alle tre protagoniste. Nel suo approccio tecnico, il film ricorda molto il film che ha fatto conoscere Fliegauf, Dealer.

La Inforg-M&M Film di Budapest produce il film insieme alla tedesca The Post Republic e alla francese Paprika Films col supporto di Eurimages e del Mitteldeutsche Medienförderung. La Match Factorydi Colonia è il rivenditore internazionale.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.