email print share on facebook share on twitter share on google+

KARLOVY VARY 2013

The Priest's Children: una commedia su temi seri

di 

- Vinko Brešan è un regista esperto e sa trovare il tono giusto per la commedia, genere per il quale è noto

The Priest's Children: una commedia su temi seri

Il regista croato Vinko Brešan torna al concorso del KVIFF per la quarta volta con il suo quinto film, The Priest's Children [+leggi anche:
trailer
intervista: Vinko Bresan
scheda film
]
. La commedia, che affronta però alcuni temi seri e molto discussi in Croazia di recente, lascia lo spettatore con l’amaro in bocca — è quindi un perfetto candidato festivaliero, se si pensa al genere di cinema depresso e cupo in voga attualmente nei concorsi dei festival cinematografici.

Il giovane Padre Fabijan (Krešimir Mikić, uno degli attori croati più versatili, di recente in Vegetarian Cannibal [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) arriva su un’isoletta per prendere il suo posto in una parrocchia dopo che il parroco locale ha ottenuto un ruolo più importante nella gerarchia ecclesiastica. Preoccupato dal calo di natalità nell’isola e nel resto del paese, pensa ad un piano per portare nuova vita in Croazia. Insieme al religioso negoziante Petar (Nikša Butijer, noto all’estero peril suo ruolo inThe Blacks) inizia a bucare tutti i preservativi disponibili, e a loro si unisce anche il farmacista Marin, impazzito dopo la guerra (Dražen Kuhn, giànell’hit 2013 Mysterious Boy) che si occupa di tutti gli altri preservativi e inizia a sostituire vitamine alle pillole anticoncezionali. Presto, il numero delle nascite, i fuochi d’artificio per i matrimoni e la notizia iniziano ad attrarre dall’estero visitatori con problemi di concepimento.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Brešan è un regista esperto e sa trovare il tono giusto per la commedia, genere per il quale è noto. The Priest's Children è tratto dalla piece teatrale dell’affermato drammaturgo croato Mate Matišić, che adatta spesso film dalle sue opere — di solito con grande successo, come in questo caso: la narrazione scivola senza intoppi e la drammaturgia è perfetta per il mezzo cinematografico.

Il cast al completo è perfettamente allineato tra necessità di realismo e approccio comico senza eccessi recitativi. Mikić dimostra ancora una volta di essere tra i migliori attori locali, e Butijer e Kuhn interpretano con entusiasmo i rispettivi ruoli di uomo timorato di Dio e nazionalista impazzito. Ana MarasGoran Bogdan emergonotra i ruoli di supporto nella parte di una delle nuove coppie di sposi. Il film ha anche una guest star, il serbo Lazar Ristovski, co-produttore del film.

Brešan è praticamente l’unico autore costante di successi in Croazia, paese noto per lo scarso interesse degli spettatori al cinema di casa. Tra i cinque maggiori blockbuster domestici di sempre, tre sono di Brešan, e fra questi The Priest's Children, con 160.000 spettatori. Tra gli habitué di Karlovy Vary, ha ottenuto il Premio FIPRESCI per Will Not End Here (2008), il Premio Philip Morris per Witnesses (2003) e quello al Miglior Regista per Marshal Tito's Spirit (1999).

The Priest's Children è co-prodotto dalla croata Interfilm e la serba Zillion Film. WIDE cura le vendite internazionali.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.