email print share on facebook share on twitter share on google+

PREMI Francia

Jean Vigo per Mange tes morts

di 

- Presentato a Cannes, lo sconvolgente film di Jean-Charles Hue s’iscrive nel palmarès di un premio che valorizza l’originalità e il potenziale di un cineasta

Jean Vigo per Mange tes morts
Mange tes morts di Jean-Charles Hue

Ricompensa destinata a valorizzare l’indipendenza di spirito, l’originalità dello stile e il potenziale di un cineasta, il 63mo Premio Jean Vigo è stato assegnato a Mange tes morts [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jean-Charles Hue (leggi la recensione). Composta da ex vincitori, critici ed esercenti, la giuria è rimasta affascinata dalla "velocità e l’energia plastica con cui questa immersione in una comunità mai vista al cinema incrocia la forza del documentario, la fisica e la metafisica del film noir e del western iniziatico".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Scoperto il mese scorso alla Quinzaine des réalisateurs del 67mo Festival di Cannes, Mange tes morts è il secondo lungometraggio del regista dopo La BM du Seigneur [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(2011). Prodotto da Thierry Lounas per Capricci Films (che distribuirà il film nelle sale francesi, probabilmente il 25 settembre prossimo, e guida le vendite internazionali), il lungometraggio era stato pre-acquistato da Ciné+ e sostenuto dall’anticipo sugli incassi del CNC, la regione Centre e la Sofica Cofinova.

Capricci Films ha attualmente in post-produzione Pasolini di Abel Ferrara, e ha distribuito di recente in Francia After the Night [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Basil da Cunha
scheda film
]
del portoghese Basil Da Cunha e Historia de la meva mort [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Albert Serra
festival scope
scheda film
]
dello spagnolo Albert Serra.

Da notare che il Premio Jean Vigo 2014 del cortometraggio è andato a Inupiluk di Sébastien Betbeder (Envie de Tempête Productions), un film di 34 minuti che si è aggiudicato il premio del Pubblico della competizione nazionale all’ultimo Festival di Clermont-Ferrand.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.