email print share on facebook share on twitter share on google+

ESERCENTI Italia

36,3 milioni di biglietti venduti per i film d'essai

di 

- Presentati a Mantova i dati nell’ambito degli Incontri del Cinema d'Essai della FICE: i film d'essai, nell'ultimo anno, hanno registrato il 37,5% delle presenze nei cinema italiani

36,3 milioni di biglietti venduti per i film d'essai
Le Meraviglie di Alice Rohrwacher

37,5% di presenze nei cinema italiani per un totale di 36,3 milioni di biglietti venduti: sono i numeri dei film d’essai registrati nell’ultimo anno e presentati ieri a Mantova nell'ambito degli Incontri del Cinema d'Essai della FICE (leggi la news). Dai dati emerge che l’esercizio d’essai rimane centrale per i risultati dei film d’autore: 62 titoli distribuiti nel periodo dall’1 settembre 2013 al 31 agosto 2014 hanno registrato oltre il 50% delle presenze sugli schermi d'essai, con punte che toccano il 90% per film come Oh Boy - Un caffè a Berlino [+leggi anche:
trailer
intervista: Jan Ole Gerster
scheda film
]
e In ordine di sparizione [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hans Petter Moland
scheda film
]
, e dell'80% per titoli come Still Life [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Uberto Pasolini
festival scope
scheda film
]
, Le Meraviglie [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alice Rohrwacher
intervista: Tiziana Soudani
scheda film
]
e Molière in bicicletta [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Carenza di uscite nel periodo estivo di cui sono proprio le sale d’essai a risentire, attribuzione in automatico della definizione “d’essai” a film riconosciuti d'interesse culturale che in molti casi non ne avrebbero le caratteristiche, e insufficienza delle risorse pubbliche destinate all’esercizio rispetto agli altri comparti del cinema, sono le criticità del settore evidenziate da Domenico Dinoia, presidente della FICE che rappresenta 355 sale d'essai per oltre 500 schermi. 

Una visione condivisa da Nicola Borrelli: il direttore generale cinema del MiBACT, nel suo intervento, ha confermato l'esigenza di superare l'automatismo tra film d'interesse culturale e film d'essai attraverso una nuova legge e la necessità di una revisione complessiva degli incentivi alla programmazione destinati alle sale.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.