email print share on facebook share on twitter share on google+

VENEZIA 2015 Orizzonti

A War, le conseguenze di una scelta difficile

di 

- VENEZIA 2015: E' il terzo lungometraggio di Tobias Lindholm, apprezzato come sceneggiatore di The Hunt di Thomas Vinterberg

A War, le conseguenze di una scelta difficile
Pilou Asbæk e Tuva Novotny in A War

"Prendetevi cura l'uno dell'altro" dice via skype il soldato danese ai suoi commilitoni dal letto d'ospedale in Inghilterra dove è stato trasportato. I suoi compagni sono di stanza in Afghanistan, nella zona di Adam Kala a sud di Kabul. E' stato proprio per salvare la vita a lui e agli altri che il comandante della compagnia Claus M. Pedersen (Pilou Asbæk) ha preso una decisione drastica per fermare un attacco da parte dei talebani durante un pattugliamento di routine. Senza averne la conferma visiva (si chiama PID in gergo militare) Pedersen ha ordinato il bombardamento della zona 6, considerato obiettivo civile.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con A War [+leggi anche:
trailer
intervista: Tobias Lindholm
scheda film
]
, selezionato in Orizzonti alla Mostra di Venezia, Tobias Lindholm è al suo terzo lungometraggio. Oltre che per i precedenti R [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e A Hijacking [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tobias Lindholm
scheda film
]
, Lindholm è stato molto apprezzato per le sceneggiature degli ultimi due film di Thomas Vinterberg, Submarino [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
(2010), The Hunt [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Vinterberg
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
(2012), nominato all'Oscar, ed è autore anche di quella del prossimo The Commune [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Thomas Vinterberg
scheda film
]
, la cui uscita è prevista nel 2016. La sua grande capacità di analisi dei sentimenti umani e delle reazioni a situazioni di forte pressione psicologica è evidente anche in A War. Il comandante Pedersen è diviso tra l'osservanza delle regole militari, la responsabilità verso i suoi uomini e i civili afgani e il desiderio di tornare a casa da sua moglie (Tuva Novotny) e i suoi tre bambini.

Per i primi 70 minuti il film alterna le scene girate nel campo militare con quelle della famiglia del comandante in Danimarca. Quando il militare viene accusato di aver causato la morte di 11 civili, la scena si sposta definitivamente in patria, dove pochi mesi dopo inizierà il processo. Ora si tratta di difendersi, e proteggere la propria famiglia. Ma davvero Claus ha agito per il meglio o la follia stessa di quella guerra gli ha sconvolto la mente, come suggerisce il suo migliore amico e collega Najib?

Con asciutto realismo Lindholm dirige veri soldati e rifugiati afgani, che affiancano ottimi professionisti come Asbæk e Novotny. A War è prodotto da René Ezra e Tomas Radoor per Nordisk Film Production A/S con il supporto del Danish Film Institute in associazione con DR, Nordisk Film & TV Fond e Studiocanal. La sua uscita domestica è prevista per i 10 settembre con Nordisk Film Distribution A/S.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.