email print share on facebook share on twitter share on google+

ISTITUZIONI Romania

Il ministro della Cultura riorganizza il Centro Nazionale del Cinema e annuncia una nuova legge

di 

- Un piano di lavoro per il 2016 svela le principali strategie culturali del nuovo governo romeno

Il ministro della Cultura riorganizza il Centro Nazionale del Cinema e annuncia una nuova legge

Un piano di lavoro pubblicato dal ministero della Cultura romeno mostra che la riorganizzazione del Centro Nazionale del Cinema, la cui attività è stata all’origine di varie polemiche negli ultimi anni, è una delle priorità culturali del 2016.

Dopo aver menzionato le complesse gerarchie e l’inefficacia dei dipartimenti come punti deboli del settore culturale romeno, e l’assenza di una strategia come principale minaccia per il futuro, il piano passa direttamente al Centro, annunciando che un nuovo statuto regolerà le sue attività a partire da settembre 2016. "Cambiare lo statuto del Centro fa parte della nostra strategia per ottenere un sistema di finanziamento più efficiente e trasparente per l’industria cinematografica romena", si afferma nel documento del ministero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il piano menziona anche una nuova legge del cinema, che dovrebbe venir presentata al governo a ottobre 2016. Ricordando che la vecchia legge era stata concepita per stimolare la produzione cinematografica, il documento del ministero segnala la discrepanza tra la sorprendente popolarità del cinema romeno all’estero e la sua accoglienza in patria. La nuova legge darà una cornice giuridica nazionale alla distribuzione domestica e alla promozione di film romeni. Anche i programmi educativi "a tutti i livelli della società e per tutte le fasce d’età" faranno parte della nuova legge.

Intanto, mentre il paese attende il nuovo statuto del Centro Nazionale del Cinema e l’applicazione della nuova legge, il ministro della Cultura Vlad Alexandrescu ha nominato due nuovi membri del consiglio d’amministrazione dell’istituzione: il critico cinematografico Andrei Rus e il collaboratore di When East Meets West e CineLink Alex Trăilă.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.