email print share on facebook share on twitter share on google+

PRODUZIONE Spagna / Francia

Riprese a marzo per Viaje alrededor del cuarto de una madre

di 

- Lola Dueñas e Anna Castillo saranno protagoniste del primo film di Celia Rico Clavellino, la cui sceneggiatura è stata selezionata allo Script Station del Berlinale Talents 2015

Riprese a marzo per Viaje alrededor del cuarto de una madre
Le attrici Lola Dueñas e Anna Castillo

A metà marzo cominciano in Andalusia le riprese di Viaje alrededor del cuarto de una madre, opera prima di Celia Rico Clavellino, con protagoniste Lola Dueñas (vista di recente in Alleluia [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Fabrice Du Welz
scheda film
]
), Anna Castillo (lanciata da El olivo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Icíar Bollaín
scheda film
]
e che nel 2017 vedremo in La llamada - leggi la news) e Pedro Casablanc (B [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). La sceneggiatura, opera della regista stessa, ha partecipato all’ultimo Script Station del Berlinale Talents.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film racconterà la storia di Leonor (Castillo) e di sua madre, Estrella (Dueñas), che vivono insieme in un piccolo paese della Spagna. Le due donne si prendono cura l’una dell’altra come meglio possono, ma qualcosa scuote il mondo che hanno costruito finora. Perché arriva il freddo e Leonor aiuta sua madre a sistemare la stufa a gas sull’apposito tavolino; ma questo inverno non lo passerà con lei, poiché la ragazza ha deciso di andarsene per lavorare lontano da casa. Comincia così l’avventura particolare di Estrella, una madre a distanza che si confronta con la solitudine di una casa vuota, e che intraprende un altro viaggio per recuperare il piacere di vivere con se stessa.

 “E’ una storia intima sulle paure e le speranze di due donne di generazioni diverse che sono unite da un vincolo molto forte, ma estremamente fragile. Volersi bene, senza limitare l’altro né rinunciare a se stessi, è forse il compito più difficile nei rapporti tra genitori e figli”, afferma la regista sivigliana, che con il suo cortometraggio Luisa no está en casa ha vinto il premio Gaudí nel 2013 dopo essere stata l’unica rappresentante spagnola alla Mostra di Venezia l’anno precedente.

Come già per quel corto, Amorós Producciones finanzia il debutto nel lungometraggio di Celia Rico, insieme a Arcadia Motion Pictures (Blancanieves [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pablo Berger
scheda film
]
), Pecado Films e la francese Noodles Productions, con la collaborazione anche di TVE e l’ICAA.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.