email print share on facebook share on twitter share on google+

ROTTERDAM 2017

Filthy: uno sguardo originale sul tema dello stupro

di 

- L'opera prima di Tereza Nvotová è uno sguardo penetrante e tagliente sulla questione moralmente controversa dello stupro

Filthy: uno sguardo originale sul tema dello stupro
Dominika Morávková e Anna Šišková in Filthy

Lo stupro è tra le questioni più moralmente controverse del cinema, nel senso della sua rappresentazione, di come il pubblico è abituato a vederlo nei film, e di come lo spettatore sia costretto a comprenderlo attraverso le norme della società. In questo senso, il primo lungometraggio della regista slovacca Tereza Nvotová, Filthy [+leggi anche:
trailer
intervista: Tereza Nvotová
scheda film
]
, copre un terreno familiare e mette anche alla prova la conoscenza del pubblico e la percezione del problema, che dipenderà anche dai loro modelli culturali più specifici. Il film è stato presentato in anteprima mondiale fuori concorso nella sezione Bright Future di Rotterdam.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lena (l'appassionata e convincente esordiente Dominika Morávková) è una diciassettenne che vive a Bratislava con la sua famiglia di classe media. La sua vita è quella di una normale ragazza del liceo, con i soliti sogni del grande amore e molte speranze per il futuro. Abbiamo appena avuto modo di conoscere lei e la madre (Anna Šišková), il padre (Luboš Veselý) e il fratello Bohdan (Patrik Holubář), che soffre di una disabilità fisica, quando la ragazza viene violentata in casa sua dal suo insegnante di matematica, Robo (Robert Jakab).

Questo è il problema principale che il pubblico potrebbe avere con la plausibilità del film. Siamo in pieno giorno, Robo è arrivato per una lezione di matematica con Lena (e ha portato Bohdan, poiché lo aiuta ad allenarsi in palestra), e Bohdan e la madre sono nella stanza dall'altra parte del corridoio. Tuttavia, la Nvotová utilizza questo situazione per affermare qualcosa a cui il film arriverà quando termina il suo corso: lo stupro è nella maggior parte dei casi commesso da una persona nota e spesso vicina alla vittima. A ciò si aggiunge il fatto che la madre e Bohdan sono nel bel mezzo di un'accesa discussione, che Lena è spaventata e Robo sembra essere esperto in predazione sessuale, e la questione dell'inconsapevolezza da parte delle famiglie dei possibili problemi dei propri figli adolescenti (che vale anche per le droghe), e la situazione diventa abbastanza concepibile.

Lena si chiude in se stessa e, quando non ne può più, tenta il suicidio. Finisce in un ospedale psichiatrico, con altri adolescenti che soffrono di vari problemi, e l'atmosfera la soffoca lentamente, raggiungendo il culmine quando la sua compagna di stanza si impicca. Dopo la terapia a base di elettroshock (parte della forte condanna da parte del film del sistema sanitario slovacco e della mancanza di sviluppo della società), viene dimessa, e i suoi ricordi vengono inizialmente repressi. Ma, naturalmente, riemergeranno, con una vendetta.

Sebbene abbastanza banale nell'esecuzione, con una narrazione lineare, fotografia pulita, montaggio classico ma accattivante e dinamico, e una preziosa dose di naturalismo grazie ai pazienti psichiatrici interpretati da veri adolescenti ricoverati in tali istituti, Filthy offre un punto di vista nuovo sul rapporto tra la famiglia e gli altri capisaldi della società, e lo stupro. Si tratta di un lavoro interessante che la regista esordiente realizza con abilità e sorprendente sicurezza.

Filthy è una co-produzione tra la slovacca BFILM e la ceca Moloko Film.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.