email print share on facebook share on twitter share on google+

PRODUZIONE Grecia / Polonia

Pity di Babis Makridis al giro di boa del montaggio

di 

- Scritto con Efthimis Filippou, il film fa seguito all’opera prima L, in concorso al Sundance nel 2012, e punta a stregare i festival del prossimo autunno

Pity di Babis Makridis al giro di boa del montaggio
Pity di Babis Makridis

Coprodotto da Grecia e Polonia, l’ultimo film di Babis Makridis, Pity [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Babis Makridis
scheda film
]
, affronta la fase del montaggio sotto le mani esperte di Yannis Chalkiadakis (montatore di Strella e Interruption [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yorgos Zois
scheda film
]
). Sceneggiata a quattro mani con il fidato Efthimis Filippou (The Lobster [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
), la pellicola fa seguito a L [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Babis Makridis
scheda film
]
, opera prima di Makridis presentata in concorso al Sundance, e punta fin d’ora ad ammaliare i prossimi festival autunnali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il copione conferma il gusto del regista per i personaggi senza nome, raccontando la storia di un avvocato di quarantacinque anni, che compensa la gioia per il risveglio della moglie da un lungo coma cercando in tutti i modi di provocare ciò che più gli manca: la pietà degli altri.

Ricorre alla menzogna, perde intenzionalmente il proprio cane, critica il lutto dei suoi clienti e distrugge ogni singolo istante di felicità, all’inizio come parte di un piano più ampio, e via via con sempre più frivolezza e ingenuità, affondando in un’esistenza sempre più priva di gioia e sentendosi ormai bene solo se infelice.

Yannis Drakopoulos interpreta il ruolo principale del film, accanto a Evi Saoulidou, Nikos Karathanos, Nota Tsernjavski e Kostas Kotoulas, mentre per la fotografia Makridis ha chiamato un veterano dei cortometraggi come Konstantinos Koukoulios, con il quale aveva già collaborato per il suo debutto cinematografico.

Il film si è già assicurato il supporto di Eurimages e della Onassis Foundation, di ERT SA, del Greek Film Centre, del Polish Film Institute, di Foss SA e di ORKA.  Amanda Livanou e Christos V Konstantakopoulos produrranno la pellicola rispettivamente per Neda Films e Faliro House, con la coproduzione, infine, di Klaudia Śmieja e Beata Rzeźniczek per Madants Films e Beben Films. La sua società di vendite internazionali sarà annunciata durante il Festival di Cannes.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.