email print share on facebook share on twitter share on google+

SARAJEVO 2017 Concorso

Meda or the Not So Bright Side of Things: un brav'uomo in una brutta situazione

di 

- Il primo lungometraggio del regista rumeno Emanuel Pârvu, in anteprima a Sarajevo, è una storia triste diretta con un controllo totale

Meda or the Not So Bright Side of Things: un brav'uomo in una brutta situazione
Şerban Pavlu in Meda or the Not So Bright Side of Things

Il titolo del primo lungometraggio del regista rumeno Emanuel Pârvu, Meda or the Not So Bright Side of Things [+leggi anche:
trailer
intervista: Emanuel Pârvu
scheda film
]
(lett. Meda o il lato non proprio luminoso delle cose), è un simpatico eufemismo. Il film racconta infatti la triste storia di un brav'uomo, che si viene a trovare in una brutta situazione, ambientata in una zona rurale di un paese dove gli usi di un passato comunista cozzano con l'incertezza del presente dell'Unione Europea. Il film ha avuto la sua anteprima mondiale all'interno del Concorso principale del Sarajevo Film Festival

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film è ambientato in un villaggio al confine di un bosco, in Romania, dove un uomo di mezza età, Doru (Şerban Pavlu, di Aferim! [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Radu Jude
scheda film
]
), apprende della morte di sua moglie. A casa lo aspetta Meda (Ana Radu), la sua figlia adottiva adolescente, e il giorno dopo il suo ritorno a casa riceve una visita dalla polizia locale che gli notifica un mancato pagamento da parte del fisco, per cui dovrà pagare tre anni di arretrati più gli interessi. Poiché il tutore legale di Meda era la moglie di Doru, quest'ultimo non otterrà la custodia di sua figlia finché non riuscirà a dimostrare di poter assicurarle del cibo e un tetto, il che lo condurrà alla disperata ricerca di un modo per racimolare un po' di soldi.

Tuttavia, non sono molti i modi legali per fare soldi in questo posto dimenticato da dio. Puoi tagliare legna o vendere bestiame, ma le mucche di Doru sono troppo giovani e lui ha già partecipato troppe volte, quest'anno, alle squadre di boscaioli. Ci sarebbe anche il bracconaggio, e Doru, a volte, ha posizionato delle trappole per catturare i conigli, ma senza mai esagerare; finché non si presenta l'opportunità di unirsi a una squadra, che aiuta un politico nella caccia agli orsi, ed è lì che girano soldi in abbondanza. 

Qui Pârvu posiziona il suo personaggio: tra una società corrotta e la sua propria morale. Il film è narrativamente diviso in due parti, che a volte si sovrappongono e costantemente si condizionano. Da una parte c'è Doru, un uomo per bene che sta facendo del suo meglio per mantenere la sua casa e la sua figlia adottiva. Dall'altra c'è una comunità in cui il lavoro scarseggia e tutti combattono per guadagnarsi da mangiare.

Nella società in cui vive Doru c'è un contrasto tra la mentalità tipica del temperamento balcanico e del passato comunista, e le normative imposte dal governo, che a sua volta dipende dall'Unione Europea. Pandele (Florin Zamfirescu), che decide chi può unirsi alla squadra dei tagliatori di legna, non ha problemi ad accettare mazzette, ma l'arrivo di un ispettore dalla capitale obbliga a una quota fissa sul numero di alberi da tagliare. Il capo della polizia (Ion Sapdaru) comprende la situazione di Doru, ma considera il picchiare i bambini un metodo educativo, e non un abuso, quando un insegnante del luogo denuncia un ubriaco violento di questo crimine.

Pârvu dirige il suo primo film con un controllo totale, costruendo attentamente le scene con gli attori. Non si limita a raccontare i problemi che gravano sui personaggi, ma descrive questi ultimi in carne e ossa. Il direttore della fotografia Silviu Stavilă coglie questo paesaggio isolato nel suo apparire quotidiano torbido e fatiscente, ma anche nell'atmosfera vagamente da sogno della nebbia che lo avvolge.

Meda or the Not So Bright Side of Things è stato prodotto dalla compagnia rumena FAMart Productions.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.