email print share on facebook share on twitter share on google+

TORONTO 2017 Discovery

Valley of Shadows: i fantasmi dell’infanzia

di 

- TORONTO 2017: L’esordio del cineasta norvegese Jonas Matzow Gulbrandsen è un horror gotico su un mostro che si nutre della paura, del lutto e della timidezza di un bambino

Valley of Shadows: i fantasmi dell’infanzia
Adam Ekeli in Valley of Shadows

Il piccolo protagonista della splendida fiaba gotica Valley of Shadows [+leggi anche:
trailer
intervista: Jonas Matzow Gulbrandsen
scheda film
]
, film d'esordio del regista norvegese Jonas Matzow Gulbrandsen presentato nella sezione Discovery del 42° Festival internazionale del film di Toronto, è un bambino di sei anni terrorizzato dalla presenza di un licantropo che si aggira nel suo villaggio. Ogni notte, quando c'è la luna piena, le pecore della fattoria di famiglia scompaiono misteriosamente. Sua madre, il fratello maggiore e gli altri adulti del villaggio danno una spiegazione paranormale a questi eventi senza rendersi conto dell'impatto psicologico che questa può avere su un bambino. Inoltre, il giovane Aslak (Adam Ekeli) è un ragazzo speciale. La sua estrema timidezza lo porta a rinchiudersi in un armadio ogni volta che si sente insicuro o incompreso. Stanco di sentir parlare di questa ipotetica creatura, Aslak si avventurerà nelle profondità della foresta alla ricerca della verità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Valley of Shadows è un film horror, ma la rappresentazione dell'orrore è graduale. Se il desiderio di conoscere la creatura è il motore della storia, è la messa in scena della paura ad essere al centro del film. In tal senso, è l'atmosfera sinistra che circonda il piccolo Aslak a provocare i maggiori brividi. Questo ambiente malsano simboleggiato dall’esistenza di una creatura fra le tenebre è, in realtà, un'esternalizzazione dello stato mentale del protagonista.

Il film è un'allegoria (in chiave gotica) dei fantasmi dell'infanzia. Come Juan Antonio Bayona in Sette minuti dopo la mezzanotte [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Juan Antonio Bayona
scheda film
]
, Jonas Matzow Gulbrandsen trasforma il lutto, l'incertezza e la timidezza di un bambino in una creatura soprannaturale che smaschera l'incomunicabilità tra gli esseri umani, specialmente tra i membri di una stessa famiglia lacerata da una recente perdita.

Valley of Shadows è una produzione norvegese di Film Farms, Them Girls FilmAnna Kron Film. La compagnia Celluloid Dreams guida le vendite internazionali.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.