email print share on facebook share on twitter share on google+

COTTBUS 2017

Festival di Cottbus alla 27a edizione

di 

- Il festival della riunificazione, il più importante del mondo dedicato al cinema est-europeo, torna ad animare la città di frontiera di Cottbus

Festival di Cottbus alla 27a edizione
The Basics of Killing di Jan Cvitkovič

Dal 1991, subito dopo la riunificazione dell'Europa, a una trentina di chilometri dalla frontiera polacca, la città tedesca di Cottbus accoglie un festival dedicato al cinema est-europeo, cresciuto a tal punto da far parte di un mercato, il connecting cottbus, e da 19 anni diventato il festival sul cinema dell'Europa dell'Est più importante al mondo e vero trampolino di lancio per belle success stories.

La 27a edizione del Festival del film di Cottbus (7-12 novembre), il cui programma si deve a Bernd Buder,direttore artistico dell'evento (leggi l’intervista rilasciata lo scorso anno), comprende tre nuove sezioni competitive (il concorso internazionale lungometraggi, quello riservato ai cortometraggi e il concorso under 18, giudicato da studenti della regione), più il concorso amatoriale Cottbus Filmshow e la sezione Spectrum sulle ultime tendenze. Ci sono anche la parte National hits, la Giornata russa, la sezione polacca Horizons, Cinema per ragazzi, che propone sia classici che nuove uscite, la sezione nazionale Homeland (dedicata al cinema della regione tedesco-polacca dell'Alta Lusazia, soprattutto ai film in lingua soraba). Il Focus di quest'anno è sulla diaspora vietnamita in Germania, in Repubblica Ceca e in Polonia. La Bielorussia è oggetto di una sezione speciale, e un altro promettente programma speciale porta il nome di Fraternal Kiss/Bacio fraterno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nel concorso internazionale, sono dodici i lungometraggi a contendersi il Lubina: il picaresco Out [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: György Kristóf
scheda film
]
di György Kristóf (Slovacchia/Ungheria/Repubblica Ceca), presentato a maggio nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes; The Basics of Killing [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jan Cvitkovič
scheda film
]
di Jan Cvitkovič (Slovenia/Serbia); Black Level [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Valentyn Vasyanovych (Ucraina), su un fotografo che diventa una specie di “uomo senza qualità”; Breaking News [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Iulia Rugină
scheda film
]
di Iulia Rugină (Romania), su un reporter che si sente responsabile della morte del suo cameraman in un'esplosione avvenuta durante un reportage; il dramma sociale Daybreak [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gentian Koçi
scheda film
]
di Gentian Koçi (Albania/Grecia); Head, Two Ears di Vitaly Suslin (Russia); il thriller I’m a Killer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Maciej Pieprzyca
intervista: Renata Czarnkowska-Listos …
scheda film
]
di Maciej Pieprzyca (Polonia), su un giovane ispettore di polizia che dà la caccia a un omicida seriale nella Polonia comunista, ma che ha a sua volta delle zone d'ombra; il radicale Khibula [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: George Ovashvili
scheda film
]
di George Ovashvili (Georgia/Germania/Francia), riflessione poetica sui meccanismi del potere; Omnipresent [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Ilian Djevelekov (Bulgaria); Pomegranate Orchard di Ilgar Najaf (Azerbaigian); il polar d'atmosfera sul traffico umano alla frontiera slovacco-ucraina The Line [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrey Yermak
intervista: Peter Bebjak
scheda film
]
di Peter Bebjak (Slovacchia/Ucraina); e il ritratto psicologico Wild Roses [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anna Jadowska
scheda film
]
di Anna Jadowska (Polonia), su una giovane donna della provincia polacca che si sente inadatta come donna e come moglie.

La giuria internazionale che deciderà sul concorso comprende, quest'anno, l'attrice lettone Elīna Vaska, il regista montenegrino Danilo Bećković, Ursula von Keitz, professoressa alla Filmuniversität Babelsberg Konrad Wolf e direttrice del Museo del cinema di Potsdam, il produttore russo Yevgeny Gindilis e il polacco Marcin Pieńkowski, direttore artistico del New Horizons Film Festival, storico, autore di testi sul cinema, e consulente di strategie di comunicazione di numerose produzioni polacche.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.