email print share on facebook share on twitter share on google+

PRODUZIONE Spagna / Regno Unito / Germania / Francia

Icíar Bollaín porta al cinema la vita di Yuli

di 

- La cineasta spagnola si avvale nuovamente di una sceneggiatura di Paul Laverty per questa coproduzione che ritrae la vita del leggendario ballerino cubano Carlos Acosta

Icíar Bollaín porta al cinema la vita di Yuli
La regista Icíar Bollaín e il ballerino Carlos Acosta

Dallo scorso 9 novembre, Icíar Bollaín (También la lluvia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Icíar Bollaín
scheda film
]
, El olivo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Icíar Bollaín
scheda film
]
) sta girando Yuli, su sceneggiatura del suo compagno Paul Laverty, che narra la vita del ballerino cubano Carlos Acosta, che interpreterà se stesso in età adulta. Le riprese sono in corso tra Cuba (per sei settimane), Spagna (una settimana) e Regno Unito (una settimana).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con la colonna sonora del premiatissimo Alberto Iglesias (Julieta [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Pedro Almodóvar
scheda film
]
) e la direzione della fotografia di Álex Catalán (La isla mínima [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
), il film si intitola Yuli perché questo è il soprannome di Carlos Acosta: suo padre Pedro lo chiama così perché lo considera figlio di Ogun, un dio africano, un combattente. Tuttavia, sin dall'infanzia, Yuli sfugge a ogni tipo di disciplina o educazione: le strade di un'Avana impoverita e abbandonata sono la sua scuola particolare.

Suo padre invece non la pensa allo stesso modo, e sa che suo figlio ha un talento naturale per la danza: per questo, lo costringe a frequentare la Scuola Nazionale di Cuba. Nonostante le ripetute fughe e la sua indisciplina iniziale, il ragazzo finisce per rimanere conquistato dal mondo della danza, e così comincerà sin da piccolo a forgiare la sua leggenda, diventando il primo ballerino nero a interpretare alcuni dei più famosi ruoli di balletto, originariamente scritti per danzatori bianchi, in compagnie come lo Houston Ballet o il Royal Ballet di Londra.

Yuli è prodotto da Morena FilmsPotboiler Productions, in coproduzione con Galápagos Media, Hijo de Ogún A.I.E. (Spagna), Producciones de la 5ta Avenida e ICAIC (Cuba), Match Factory Productions (Germania) e Mandarin Production (Francia). Il film conta anche sulla partecipazione di BBC FilmsMovistar+, e sull’appoggio di EurimagesICAAFFABerlin MedienfundThe Match Factory sarà l’agenzia incaricata delle sue vendite internazionali, mentre Entertainment One Films Spain - eOne Films sarà il suo distributore in Spagna.

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.