email print share on facebook share on twitter share on google+

ROTTERDAM 2018 Concorso Hivos Tiger

Djon Africa: un viaggio attraverso il limbo dell'identità

di 

- Il duo portoghese Filipa Reis e João Miller Guerra hanno presentato il loro primo lungometraggio al concorso di Rotterdam

Djon Africa: un viaggio attraverso il limbo dell'identità
Miguel Moreira in Djon Africa

Può essere inquietante sentirsi straniero - ed essere percepito come tale - nel paese in cui sei nato e hai vissuto per la maggior parte della tua vita. Oltre ai problemi burocratici, il tuo senso di appartenenza rimane bloccato in un qualche punto tra le abitudini del paese in cui vivi e il DNA che scorre nel tuo sangue. È probabile che si verifichino scontri tra chi sei e chi non sei; tra chi vuoi essere e le aspettative altrui su chi tu debba essere. Incastrato in questo limbo d'identità, Miguel, 25 anni, è il protagonista di Djon Africa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il film del duo portoghese Filipa Reis e João Miller Guerra che è in concorso al Festival di Rotterdam.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Djon Africa si apre con Miguel e una sua amica che cercano di fare acquisti in un centro commerciale. Subito dopo viene presentata una fotografia della sua vita: vive con la nonna anziana nei sobborghi di Lisbona, ha una ragazza dai capelli rossi, lavora nell'edilizia, non ha mai conosciuto suo padre (a cui assomiglia molto), e non è mai stato a Capo Verde, da dove proviene la sua famiglia. Queste ultime due informazioni sono particolarmente importanti al momento di mettere insieme il puzzle della sua vita, così decide di fare un viaggio a Capo Verde, in cerca delle sue radici - e di se stesso.

Miguel Moreira, che in precedenza ha recitato in altri cortometraggi del duo portoghese, porta interamente il film sulle sue spalle, offrendo una performance rilassata ma affascinante per un attore non professionista. La sceneggiatura, scritta da Miller Guerra e Pedro Pinho (il regista di The Nothing Factory [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Pinho
scheda film
]
e amante della cultura capoverdiana), lo porta in viaggio in diversi luoghi famosi del paese (Praia, Tarrafal, São Nicolau...). Lì si confronta con la cultura locale, inclusi concerti dal vivo, feste, gastronomia e una bevanda onnipresente, grogue, dei cui effetti diventa pienamente consapevole durante il suo primo giorno nel paese. I locali tendono a dargli un caloroso benvenuto, eppure lo vedono ancora come uno straniero. In Portogallo, non era portoghese; a Capo Verde, non è capoverdiano. La ricerca di suo padre si rivela infruttuosa, ma continua a seguire gli indizi, cercando un modo per adattarsi.

Il direttore della fotografia Vasco Viana mostra una grande attrazione per la gente e i paesaggi locali, infondendo al film un innegabile stile documentaristico. Tuttavia, questa sensazione realistica è controbilanciata da diverse sequenze che sconfinano in dimensioni oniriche o fantasy, come la scena della danza durante il volo, o l'arrivo di una vecchia signora verso la fine del film, la cui presenza potrebbe essere reale o essere parte dell'immaginazione di Miguel. Ad un certo punto, Miguel riceve un messaggio dalla sua ragazza portoghese che annuncia di essere incinta. Ma cosa significa essere un padre quando tu non hai mai avuto una figura simile? Il finale è aperto all'interpretazione, ma la musica durante i titoli di coda sembra suggerire la possibilità di un futuro fiducioso - una possibilità che era stata assente nella maggior parte del film fino a quel momento: "Alleluia / felicità / un nuovo anno / a nuova vita / vogliamo un futuro africano". 

Djon Africa è una coproduzione tra Portogallo (Terratreme e Uma Pedra no Sapato), Brasile (Desvia) e Capo Verde (OII). La società parigina Still Moving ha la gestione delle vendite internazionali.

(Tradotto dall'inglese da Alessandra Boni)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.