email print share on facebook share on twitter share on google+

FILM Portogallo

Recensione: Amor Amor

di 

- Il regista portoghese Jorge Cramez torna con un libero adattamento di una pièce di Corneille ambientato nella Lisbona di oggi

Recensione: Amor Amor
Nuno Casanovas e Margarida Vila-Nova in Amor Amor

Dieci anni dopo il suo film d'esordio, O Capacete Dourado, il regista portoghese Jorge Cramez torna sul grande schermo con un libero adattamento della pièce del 17° secolo di Pierre Corneille La Place Royale, qui ribattezzata Amor Amor e ambientata nella Lisbona contemporanea.

Amor Amor ha per protagonista Jorge Freitas nei panni di Jorge, un fotografo manipolatore ed egocentrico che si sente bloccato nel suo rapporto con Marta (Ana Moreira). Innamorata pazza di lui, Marta è il nuovo oggetto del desiderio di un amico di Jorge, Carlos (Nuno Casanovas), che ha anche una relazione con la miglior amica di Ana, la cinica Lígia (Margarida Vila-Nova). Pure il romantico fratello minore di Lígia, Bruno (Guilherme Moura) è infatuato di Marta. Complicato? Forse, ma perché avere un triangolo amoroso convenzionale quando puoi avere un pentagono di sentimenti e manipolazioni?

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con i legami sentimentali tra i cinque personaggi sul punto di implodere, è facile immaginare le montagne russe emozionali che stanno cavalcando. Meno facile è immaginare che tutto il caos e le eventuali risoluzioni delle storie dei personaggi possano realisticamente inserirsi in una trama che si svolge in sole 24 ore. Ma questo è esattamente ciò che accade nel dramma romantico agrodolce di Cramez. Tutti gli eventi – troppi – si svolgono nell'ultimo giorno dell'anno, come se tutti i personaggi decidessero di incarnare – consapevolmente o inconsciamente – il desiderio di cambiamento così tipico di quel momento. C'è un'atmosfera nostalgica permanente nell'aria e la sensazione che il futuro rimanga imprevedibile come il tempo.

Cramez sembra affascinato dall'intimità dei suoi personaggi e dalle loro capacità comunicative. E in omaggio a Éric Rohmer, offre al suo cast lunghe e intime pagine di dialogo e spesso li riprende in lunghi take senza tagli o con la cinepresa estremamente vicina a loro. Questa decisione certamente intensifica i sentimenti di attaccamento reciproco dei personaggi. La chimica tra i personaggi di Moreira e Vila-Nova è evidente fin dalla prima scena, così come l’amicizia tra Freitas e Casanova, in particolare nelle sequenze in spiaggia. Le chiacchierate introspettive sull'amore e sulla sua futura decadenza sono incorniciate da luoghi naturali come la spiaggia di Meco e diverse strade e piazze della capitale portoghese. L'amore può essere l'argomento delle conversazioni - ma scegliere e abbracciare il cambiamento è il tema ultimo del film.

Lo script di Amor Amor ha avuto diverse versioni nel corso degli anni, a causa delle varie applicazioni ai programmi di finanziamento dell'ICA, il che spiega certamente il gap di dieci anni tra il primo e il secondo lungometraggio del regista. Questa produzione C.R.I.M., presentata a IndieLisboa nel 2017, esce finalmente ora, diventando così uno dei primi titoli portoghesi ad assicurarsi una distribuzione in sala nel 2018, grazie a Nós Audiovisuais.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.