email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTIVAL Serbia

Beldocs vanta ottime competizioni e programmi industry

di 

- L’evento del documentario di Belgrado ospiterà le masterclass di Abel Ferrara, Ulrich Seidl, Ruth Beckermann, João Pedro Rodrigues, Gürcan Keltek e Boris Mitić

Beldocs vanta ottime competizioni e programmi industry
Piazza Vittorio di Abel Ferrara

L’ 11esima edizione del Beldocs Belgrade International Documentary Film Festival, che si terrà dal 7 al 14 maggio, ha arricchito sia la sua selezione di film che quella industry. Saranno proiettati 98 film in 14 diverse sezioni e in 11 cinema, e saranno presentati Beldocs Market, una serie di panel e di dibattiti con oltre 60 professionisti internazionali moderati dal direttore dell’EDN Paul Pauwels, e Beldocs in Progress, una piattaforma realizzata per presentare i nuovi progetti di documentari per il mercato nazionale e internazionale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La competizione internazionale principale è composta da 12 titoli, da Piazza Vittorio [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Abel Ferrara, passando per Visages, villages [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Agnes Varda, Boli Bana [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Simon Gillard, Of Fathers and Sons [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Talal Derki, fino a Meteors [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gürcan Keltek
scheda film
]
di Gürcan Keltek. Per il programma completo clicca qui.

La competizione serba presenta otto titoli, inclusi il vincitore della Menzione speciale ai Visions du Réel, 4 Years in 10 Minutes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Mladen Kovačević, i titoli della competizione del documentario di Sarajevo When Pigs Come [+leggi anche:
trailer
intervista: Biljana Tutorov
scheda film
]
di Biljana Tutorov e Guidance Through the Black Hole [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Zlatko Pranjić
scheda film
]
di Zlatko Pranjić e Aleksandar Nikolić, e la Masters entry del Festival internazionale del documentario di Amsterdam, In Praise of Nothing [+leggi anche:
trailer
intervista: Boris Mitić
scheda film
]
di Boris Mitić. Per l’elenco completo, clicca qui.

Altre selezioni includono un Focus sui paesi baltici, Beldocs Human Rights, Meteors (documentari d’autore radicali), Front Page (film sull’attualità), Planet Earth, Fireworks (“su persone ed eventi coinvolgenti, incredibili o dinamici” come dice il sito di Beldocs, la selezione include A Modern Man [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Eva MulvadeAvec L'Amour [+leggi anche:
trailer
intervista: Ilija Cvetkovski
scheda film
]
di Ilija Cvetkovski), documentari biografici, documentari musicali, proiezioni speciali (documentari relativi ai problemi politici nei Balcani e nell’Europa orientale), e retrospettive di Ulrich Seidl e Vlado Škafar.

Una selezione speciale dei migliori documentari d’arte degli ultimi dieci anni, incluso l’ultimo corto di Jean Marie Straub, People by the Lake, oltre all’ultimo film del regista americano James Benning, L. Cohen, e il leggendario Our Beloved Month of August [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Miguel Gomes, curata dal nuovo direttore artistico di Beldocs, il regista Marko Grba Singh, sarà proiettata nel Museo d’Arte contemporanea di Belgrado. 

L’incredibile programma delle masterclass include “Directing Oneself: How to Maintain an Auteur Film Career?” di Abel Ferrara, “Between Fiction and Documentary” di João Pedro Rodrigues,“How to Film Nothing” di Mitić, “Documenting and Writing Personal-Political Memory on Meteors” di Keltek, “Re-Constructing the History with Present Images on The Waldheim Waltz [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruth Beckermann
scheda film
]
 di Ruth Beckermann e un’attesissima masterclass senza titolo di Seidl.

Infine, Beldocs in Progress presenterà sette progetti (clicca qui per la lista completa), e i due progetti migliori, scelti dalla giuria, riceveranno un premio di 2 000 euro grazie al patrocinio del Film Center Serbia, e 4 000 in servizi di post-produzione da parte di Living Pictures.

(Tradotto dall'inglese da Francesca Miriam Chiara Leonardi)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.