email print share on facebook share on twitter share on google+

CANNES 2018 Un Certain Regard

Recensione: Girl

di 

- CANNES 2018: Lukas Dhont realizza un’opera prima sull'estenuante lotta emotiva e fisica di una giovane donna transgender all’alba della trasformazione

Recensione: Girl
Victor Polster (sinistra) in Girl

Lara è un'adolescente e si appresta a festeggiare un compleanno cruciale. Sta per firmare l’inizio della sua trasformazione. Lara sogna la danza e l’opera, ed è pronta a tutto per realizzare il suo sogno. Il suo corpo, lei lo allena, lo addolcisce, lo maltratta, tenta di piegarlo. Il suo corpo, il suo nemico. Lara è nata maschio. È una lotta quotidiana quella che conduce, come ballerina e come giovane donna in divenire, in procinto di iniziare il trattamento. Ma imparare le punte è un processo lungo, proprio come è una prova lunga e impegnativa quella di cambiare corpo. Questa è la storia di Girl [+leggi anche:
trailer
intervista: Lukas Dhont
scheda film
]
, l'opera prima del belga Lukas Dhont, che è stata presentata nel programma competitivo Un Certain Regard al 71° Festival di Cannes.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lara è supportata in questa fase di transizione da un padre amorevole e premuroso, ed è seguita da un'équipe medica che la ascolta e si preoccupa del suo benessere. E’ entrata in una scuola di danza estremamente esigente, dove gli insegnanti accettano e accompagnano il suo destino particolare. Se lo spogliatoio rimane un luogo di sofferenza, come per molti adolescenti in conflitto con il proprio involucro carnale, è soprattutto contro la propria impazienza che Lara dovrà combattere.

Scegliendo di concentrarsi non sui fattori esterni che potrebbero ostacolare la transizione di Lara, ma piuttosto sul suo viaggio intimo, Lukas Dhont fa la scommessa audace e sconvolgente di ascoltare i tormenti interiori che perseguitano la ragazza. Non sono gli altri che ostacolano la sua trasformazione, né il loro sguardo, e lo spettatore è immerso a fianco di Lara nella sofferenza psichica rappresentata da questa lotta corpo a corpo contro se stessa. Solo il tempo qui è un ostacolo, e che ostacolo. Come accettare, in piena adolescenza, la prospettiva di un cambiamento così lento, tanto da sembrare irraggiungibile?

Ciò è tanto più rilevante in quanto il film inizia avvolto da una luce soffusa, che fa da cornice a una vita familiare armoniosa, in cui l'ambizione della ragazza e il suo destino di ballerina sono al centro delle preoccupazioni di tutti. Ma più la storia va avanti, più l'allenamento diventa duro e più il corpo soffre, come i piedi martirizzati di Lara, e più il film s’incupisce. E’ questo uno dei suoi punti di forza: conferisce ampiezza narrativa al film, insieme alla volontà tenace di Lara di forzare le ultime resistenze del suo corpo di giovane ragazzo non solo attraverso la sua femminilizzazione, ma trasformandolo definitivamente in un corpo femminile, di ballerina.

Chiaramente, per sostenere il film ci voleva una perla rara, e Lukas Dhont ha avuto la fortuna di trovare Victor Polster. Il giovane uomo, che studia danza, incarna Lara con volontà e gentilezza, offrendo alla camera il suo sguardo radioso che si oscura gradualmente nel corso della sua ricerca, lasciando un velo di sofferenza inondare i suoi occhi chiari. È il cuore vibrante del film, di quasi ogni inquadratura, supportato dall'interpretazione molto precisa di Arieh Worthalter, nel ruolo di suo padre, un padre benevolo che mette costantemente in discussione la propria impotenza di fronte ai tormenti della figlia.

Affrontando un tema forte e scottante, Girl evita con abilità ogni sensazionalismo e accompagna con stupefacente empatia il viaggio intimo di una giovane transgender che va incontro al suo corpo.

Girl è l’ultimo film prodotto da Dirk Impens e Menuet, poiché il produttore ha annunciato di voler cessare la sua attività, dopo aver consentito a talenti come Felix Van Groeningen, e ora Lukas Dhont, di emergere. Il film è coprodotto in Belgio da Frakas Productions, e da Topkapi nei Paesi Bassi. E’ venduto nel mondo da The Match Factory, e uscirà in autunno in Belgio e il 10 ottobre in Francia.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.