email print share on facebook share on twitter share on google+

CANNES 2018 Concorso

Recensione: The Wild Pear Tree

di 

- CANNES 2018: Nuri Bilge Ceylan mira a vincere la sua seconda Palma d’Oro con un racconto a episodi sulla lotta di un giovane uomo per diventare un autore riconosciuto

Recensione: The Wild Pear Tree

Nuri Bilge Ceylan ha vinto la Palma d’Oro nel 2014 con Il regno d’inverno [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nuri Bilge Ceylan
scheda film
]
. Quest’anno, così come quattro anni fa, il regista turco porta il film più lungo in concorso al Festival di CannesThe Wild Pear Tree dura 188 minuti, ma Ceylan non fa pesare troppo la sua lunghezza con un altro dramma coinvolgente che è come guardare un romanzo girato nello stile degli scrittori russi Fedor Dostoevskij o Anton Chekov. Ceylan è un maestro del dramma familiare morale, e mentre prima era spesso il legame tra marito e moglie ad affascinarlo di più, stavolta è uno sguardo feroce sulla paternità dal punto di vista di un figlio che ha più cose in comune con suo padre di quanto vorrebbe credere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sinan (Aydin Doğu Demirkol) è uno studente che sta lavorando per pubblicare il suo primo romanzo. È frustrato poiché vive a casa con il suo vecchio padre (Murat Cemcir), madre e sorella. Un mercante d'oro è convinto che suo padre abbia preso in prestito oro da lui e stia facendo del suo meglio per non restituirlo. The Wild Pear Tree ha una struttura episodica, poiché vediamo Sinan avere diversi incontri nel corso di diversi mesi, con il suo professore universitario, l’oggetto del suo amore, un libraio e un autore, così come visitare una casa di campagna dove si trova il pero selvatico di cui scrive nel suo libro. Sinan è in cerca di consigli, ma grazie alla fiducia tipica dei giovani, sente anche di conoscere già le risposte. Ha risparmiato denaro per pubblicare il suo manoscritto, e quando un giorno questo sparisce dalla tasca del cappotto mentre gli operai lavorano in casa sua, dà la colpa a tutti quelli che lo circondano. Questo è solo uno dei tanti dolorosi incontri che capitano a Sinan, che lo costringono a mettere in discussione sia la sua morale che la sua coscienza.

Ceylan si diverte a creare situazioni in cui i personaggi possono fare commenti che possono anche essere interpretati come relativi alla società contemporanea. C'è l'uomo che ha tolto la porta del suo ufficio per permettere ai suoi colleghi di sentirsi liberi di venire a vederlo in qualsiasi momento, poiché non ha nulla da nascondere. In un'altra scena, in cui Ceylan gioca umoristicamente con il tempo e lo spazio su un ponte, un famoso artista difende la sua decisione di non firmare una lettera di protesta scritta dai suoi contemporanei. Sinan deve anche imparare ad affrontare il fatto che quando il suo libro viene pubblicato, nessuno lo compra. Deve affrontare il fatto che forse non sarà uno scrittore che lavora. La sua insularità influisce anche sulla sua capacità di sviluppare relazioni con le donne e, mano a mano che il film avanza, diventa chiaro che il divario che sembrava esistere tra il suo modo di vivere e quello di suo padre, forse, non è poi così grande. Il film contempla l'esistenza e ciò che ci rende le persone che siamo oggi: è la famiglia, le circostanze, il talento o la società?

The Wild Pear Tree è prodotto in Turchia da Zeyno Film, in Francia da Memento Films Productions, in Germania da Detailfilm, in Bulgaria da RFF International, in Macedonia da Sisters and Brother Mitevski, in Bosnia Erzegovina da 2006 Produkcija Sarajevo, e in Svezia da Film i Vast e Chimney Pot, in co-produzione con ARTE France Cinéma, Imaj, Türkiye Radyo Televizyon Kurumu (TRT), il Doha Film Institute, Nu-Look Yapım e Kale Grubu. Le vendite internazionali sono guidate da Memento Films International.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.