email print share on facebook share on twitter share on google+

PRODUZIONE Slovacchia

Ivan Ostrochovský prepara la sua promettente opera seconda, The Disciple

di 

- Sulla scia del successo internazionale del suo primo film, Koza, il regista slovacco sta lavorando a un altro progetto ambizioso

Ivan Ostrochovský prepara la sua promettente opera seconda, The Disciple
The Disciple di Ivan Ostrochovský

Il documentarista slovacco diventato regista di finzione e produttore Ivan Ostrochovský ha conosciuto la fama internazionale con il suo film d’esordio, Koza [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ivan Ostrochovský
scheda film
]
, nel 2015. A quel tempo, Ostrochovský stava già lavorando al suo secondo lungometraggio, The Disciple, in sviluppo dal 2014 e attualmente in produzione. Il final cut è previsto entro la fine dell’anno, con un’uscita prevista per il 2019. Il film è girato in bianco e nero e in formato 4:3, il che segna un cambio formale rispetto al suo film di debutto. Il direttore della fotografia sarà Juraj Chlpík (Blind Loves [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
A Hole in the Head [+leggi anche:
trailer
intervista: Robert Kirchhoff
scheda film
]
); lo script, scritto dal regista con Marek Leščák, vede il contributo della co-sceneggiatrice di Ida [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Pawel Pawlikowski
scheda film
]
Rebecca Lenkiewicz; l’affermato attore rumeno Vlad Ivanov è stato ingaggiato per il progetto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dopo l’ibrido tra finzione e documentario in Koza, Ostrochovský si dedica ora a un film di finzione d’epoca ambientato durante il periodo di normalizzazione in Cecoslovacchia. Nel 1980, due amici fanno domanda per studiare in un seminario cattolico romano per sfuggire alla devastazione morale della società nel regime comunista. Scoprono presto che il seminario è controllato da Pacem im Terris, un'organizzazione di chierici che collabora volentieri con il regime. Il regista ha affermato che The Disciple è una storia universale sul bene e il male, non l'osservazione di una vita durante la normalizzazione. Spera inoltre che gli elementi crime e l'argomento un po’ controverso possano attirare un pubblico più vasto.

The Disciple è una coproduzione tra Slovacchia, Repubblica Ceca, Irlanda e Romania, e nel 2015 ha partecipato al Pitch & Feedback del KVIFF, a Connecting Cottbus e agli Arras Days, dove ha vinto il premio CNC al miglior progetto. Lo Slovak Audiovisual Fund, il Bratislava Self-Governing Region (Slovacchia), il ministero della Cultura della Repubblica Slovacca, il Czech Film Fund ed Eurimages hanno supportato il progetto.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.