email print share on facebook share on twitter share on google+

TORONTO 2018 Discovery

Recensione: Consequences

di 

- TORONTO 2018: Il film di debutto di Darko Štante esplora i problemi della gioventù e della società slovene attraverso la percezione della mascolinità del suo tormentato protagonista adolescente

Recensione: Consequences
Timon Šturbej (a destra) e Matej Zemljič in Consequences

In Consequences [+leggi anche:
trailer
intervista: Darko Štante
scheda film
]
, esordio cinematografico del regista e sceneggiatore sloveno Darko Štante, che ha debuttato in prima mondiale nella sezione Discovery di Toronto, il nostro eroe tormentato e problematico ha molto contro cui combattere: la mancanza di comprensione da parte della famiglia e della società, il sistema legale disfunzionale, un ambiente criminale piccolo ma brutale e, ultima ma certamente non meno importante, la sua stessa rabbia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Andrej (Matej Zemljič), 18 anni, rifiuta le avances di una ragazza attraente a una festa in casa, e a quanto pare la offende così tanto che lei lo accusa di tentato stupro. Lo vediamo processato: sua madre (Rosana Hribar) spiega al giudice che figlio terribile lui sia e che non possono tollerare la sua costante assenza da casa e dalla scuola, e le sue avventure certamente immorali e probabilmente illegali.

Così Andrej finisce in una struttura di detenzione giovanile, dove viene immediatamente messo alla prova dal bullo Žele (Timon Šturbej) e dal suo compare Niko (Gašper Markun). Si ribella e guadagna rispetto, ma è anche stranamente attratto dal carisma macho di Žele e dal suo atteggiamento strafottente e, forse un po’ suo malgrado, diventa parte della sua gang.

E come può esserci una gang in una struttura di detenzione giovanile? Bene, sembra che i tutor del centro siano completamente senza speranza: il loro sistema di punizione equivale a vietare ai detenuti di prendere il permesso per il fine settimana, ma non c'è alcun modo di farlo rispettare, poiché sembrano semplicemente entrare e uscire come vogliono.

Così, nei fine settimana, Andrej, che non vuole stare con i suoi genitori, si unisce a Žele, Niko e al loro gruppo di amici e fidanzate, e passano i loro giorni e le loro notti a rubare, riscuotere debiti da altri piccoli delinquenti e festeggiare con abbondanti quantità di alcol, erba, coca e sesso. Mano a mano che l'interesse di Andrej per Žele si trasforma sempre più in adorazione, ci rendiamo conto che c'è dell'altro rispetto all’essere semplicemente impressionato da un maschio alfa.

Consequences è una storia insolita ambientata in un ambiente che sarà familiare alla maggior parte del pubblico, ma con una svolta che apre la questione della mascolinità, di come viene percepita e di come muta in determinate circostanze, in modo nuovo e originale. Inoltre, esplora i problemi di base nella società slovena, come una mentalità che a volte combina il peggio della formalità mitteleuropea con l'arretratezza dei Balcani, il che risulta in una mancanza di comunicazione e comprensione all'interno di una famiglia, influendo anche sul modo in cui quella famiglia si relaziona con la comunità. Poi c'è il sistema legale e sociale, che è presentato come completamente inattaccabile ai sensi delle normative europee, ma che in sostanza crea più problemi che soluzioni.

Mentre la regia di Štante non è esattamente delle più fluide, con un’eccessiva costruzione scena per scena che a volte rende la narrazione un po' forzata, il creativo ma disciplinato lavoro di macchina di Rok Nagode, il ritratto preciso del background e dell’atmosfera di alcuni luoghi di Lubiana e l’accompagnamento di tanta musica trap e hip-hop slovena e serba, mantengono il film solido e plausibile.

Ma ciò che lo sostiene di più sono le performance dei giovani attori, in particolare Zemljič e Šturbej, che con disinvoltura costruiscono personaggi che sono immediatamente riconoscibili e sempre più ambigui mano a mano che la storia va avanti, mentre la chimica tra loro è infusa di notevoli sfumature.

Consequences è una coproduzione delle compagnie slovene TemporamaNuFrame e 100, e l’austriaca Zwinger Film. Le vendite internazionali sono gestite dalla francese WIDE Management.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.