email print share on facebook share on twitter share on google+

DISTRIBUZIONE Belgio

La Mongolia di Khadak sugli schermi americani

di 

Primo lungometraggio di finzione dei documentaristi Peter Brosens e Jessica Woodworth, Khadak [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jessica Woodworth
intervista: Jessica Woodworth
scheda film
]
, venduto all'estero dal tedesco Telepool, ha trovato un acquirente negli Stati Uniti, dove sarà distribuito da Lifesize. Khadak (leggi il Focus), selezionato in numerosi festival internazionali come la Mostra di Venezia (dove ha vinto il Leone del Futuro), Toronto e Salonicco, è distribuito in Belgio da Cinéart dal 21 febbraio e continua la sua carriera nelle Fiandre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Peter Brosens ha scritto, diretto e prodotto la sua trilogia mongola, composta da City of the Steppes (1993), States of Dogs (1998) e Poets of Mongolia (1999), mentre Jessica Woodworth ha girato da parte sua Urga's Song nel 1999. Racconto poetico e politico, in linea con gli altri documentari dei due registi, Khadak segue il percorso di un giovane mongolo, venuto dalla steppa in città per scoprire il terribile futuro del suo paese e allo stesso tempo accettare il suo tragico destino di sciamano.

Coprodotto con i tedeschi di Ma.Ja.De Filmproduktions-GmbH e gli olandesi di Lemming Film, Khadak, sostenuto dal Vlaams Audiovisuel Fonds e la Comunità francese del Belgio, è prodotto da Bo Films, la casa di produzione dei suoi autori, al momento in Perù per preparare il prossimo lungometraggio di finzione, Fragments of Grace, finito di scrivere e che seguirà lo stesso schema di finanziamento. Fragments of Grace, ambientato nella società quetchua, si girerà tra Belgio e Perù ed esplorerà, attraverso la storia di una donna, i temi dello sfruttamento della terra e la perdita dell'identità culturale.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.