Dopo l'amore (2016)
Belle Dormant (2016)
Miséricorde (2016)
La comune (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Valanga di film francesi a Toronto

di 

Valanga di film francesi a Toronto

Con le prime mondiali dei nuovi film di Jean-Pierre Jeunet, François Ozon e Bruno Dumont tra i pezzi forti, una valanga di film francesi, circa 50 tra produzioni e coproduzioni, sta per abbattersi fino al 19 settembre sul 34mo festival di Toronto (al via da oggi), alla presenza di un nutrito contingente di società esagonali di vendite internazionali.

Tra le Presentazioni di Gala, saranno svelati l'attesissimo Micmacs à tire-larigot [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Pierre Jeunet e Chloe [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del canadese Atom Egoyan (ampiamente finanziato da StudioCanal), mentre il film di chiusura cannense Coco Chanel & Igor Stravinsky [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jan Kounen farà il suo debutto in Nord America.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nella vetrina Masters, si distinguono in prima mondiale Le Refuge [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di François Ozon (articolo), Les herbes folles [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alain Resnais (premiato a Cannes) e il concorrente veneziano White Material [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Claire Denis, senza dimenticare le coproduzioni Antichrist [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Cannes 2009 Lars von Trier
scheda film
]
del danese Lars von Trier, Carmel dell'israelinao Amos Gitaï , Eccentricities Of A Blond Hair Girl [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del portoghese Manoel de Oliveira e la Palma d'Oro 2009 Il nastro bianco [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
dell'austriaco Michael Haneke.

Nel programma Special Presentations, brilla la prima mondiale di Hadewijch [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Bruno Dumont, L' Affaire Farewell [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Christian Carion (con Guillaume Canet ed Emir Kusturica), l’eccezionale Gran Premio cannense Un prophète [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jacques Audiard
intervista: Jacques Audiard e Tahar Ra…
scheda film
]
di Jacques Audiard, l’originale Les Derniers jours du monde [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Arnaud e Jean-Marie Larrieu, il premiato a Berlino London River [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Rachid Bouchareb, Partir [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Catherine Corsini (che sta avendo un discreto successo nelle sale) e il concorrente veneziano Mr. Nobody [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jaco Van Dormael
intervista: Jaco Van Dormael
scheda film
]
del belga Jaco Van Dormael.

Tra le coproduzioni, spiccano le prime mondiali di The Good Heart [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'islandese Dagur Kári, di Moloch Tropical [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
dell'haitiano Raoul Peck, di The Vintner's Luck [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
della neozelandese Niki Caro e di Triage del bosniaco Danis Tanovic, ma anche Women Without Men [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'iraniana Shirin Neshat e Vengeance [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Johnnie To.

La sezione Contemporary World Cinema propone Le Père de mes enfants [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Mia Hansen-Løve
scheda film
]
della promettente Mia Hansen-Løve e cinque coproduzioni provenienti da Cannes e Venezia: Lourdes [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jessica Hausner
scheda film
]
dell'austriaca Jessica Hausner, il film collettivo romeno Tales From The Golden Age [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, The Time That Remains [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del palestinese Elia Suleiman, Huacho [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del cileno Alejandro Fernández Almendras e Eyes Wide Open dell'israeliano Haim Tabakman.

La finestra Discovery include Le Jour où Dieu est parti en voyage di Philippe van Leeuw, Everyday Is a Holiday della libanese Dima El-Horr e Saint Louis Blues della regista franco-senegalese Dyana Gaye, ma anche le coproduzioni A Brand New Life della sudcoreana Ounie Lecomte, The Day Will Come della tedesca Susanne Schneider e Kirot dell'israeliano Danny Lerner.

Da notare nel menù Vanguard, la nuova versione dell'allucinante Enter the Void [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Gaspar Noé e le coproduzioni Green Days dell'iraniana Hana Makhmalbaf, il premiato cannense Spring Fever [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del cinese Lou Ye e She, A Chinese [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del connazionale Xiaolu Guo.

La sezione Visions ha scelto il commovente Irène [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alain Cavalier, i selezionati a Cannes Face [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Tsai Ming-liang, To Die Like a Man [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del portoghese Joao Pedro Rodrigues e Independencia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del filippino Raya Martin, oltre al concorrente a Venezia Between Two Worlds del cingalese Vimukthi Jayasundara.

Infine, la sezione Midnight Madness proietterà le coproduzioni Panique au village [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Stéphane Aubier e Vincent…
intervista: Stéphane Aubier e Vincent …
scheda film
]
del duo Stéphane Aubier - Vincent Patar e Solomon Kane [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michael J. Bassett, mentre il programma City To City include Jaffa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Keren Yedaya e Une histoire du cinéma israélien Part 1 di Raphaël Nadjari.

(Tradotto dal francese)

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250