On Body and Soul (2017)
Blue My Mind (2017)
The Charmer (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
One Step Behind the Seraphim (2017)
The Square (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2002

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tutti gli scandali francesi

di 

- Sesso, violenza, follia: nella selezione di film francesi c'è tutto quello che serve per far discutere critica e pubblico

Tutti gli scandali francesi

Se l´obiettivo era far discutere, Gaspar Noé ha già fatto centro: il suo Irréversible è infatti tra i film francesi più chiacchierati di questa Cannes 2002. I presupposti per scioccare la critica ci sono tutti così come nel ´98, quando il regista argentino approdò sulla Croisette con Seul contre tous, un affresco a tinte rosso sangue sulla follia di un macellaio impazzito. «Violenza senza giudizio» e «ambiguità idelogica» furono le accuse di allora. E oggi Noé promette: ancora trasgressione. In scena la storia di uno stupro e la vendetta che il compagno della vittima metterà in atto. Realtà estreme e ambienti sordidi che toccano vertici di violenza tale di sfiorare disgusto nello spettatore: «Faccio film che trattano dell´angoscia dell´esistenza, del malessere e di tutte le parti oscure della condizione umana» racconta Noé che per Irréversible ha scelto non a caso la coppia più glamour del jet set d´oltralpe, Vincent Cassel e Monica Bellucci, insieme nella vita così come nel cinema (li abbiamo visti insieme anche nel Patto dei lupi di Christophe Gans e ne L´appartamento di Gilles Mimouni). Turba la bellezza dell´attrice italiana e inquieta il volto nervoso e violento di Cassel (lanciato da L´odio di Matthieu Kassovitz, lo abbiamo visto di recente in Birthday Girl e ora sul set di Blueberry di Jan Kounen): sul loro percorso non poteva mancare l´incontro con il regista più trasgressivo del momento. Irréversible è stato prodotto da Eskwad e Nord Ouest Production.
Sotto la bandiera francese altri tre film in competizione ufficiale: L´adversaire di Nicole Garcia, Marie-Jo et ses deux amours di Robert Guédiguian e Demonlover di Olivier Assayas. C´è attesa per l´interessante opera della cineasta e attrice pluripremiata Nicole Garcia che per il suo L'adversaire si è ispirata al romanzo omonimo di Emmanuel Carrère. Ancora una vicenda di morte e violenza: impazzito di dolore un uomo assassina tutta la sua famiglia: moglie, figli e genitori. Poi, riesce a sopravvivere per più di vent´anni nella menzogna. La regista rispetta tutti i temi centrali della propria poetica nata da esperienze teatrali e continua a scavare nell´interiorità dei personaggi: lo aveva fatto delineando la figura di Catherine Deneuve in Le fils préféré e ora permette a Daniel Auteuil, protagonista de L´adversaire, di prorompere sulla scena come emblema di uomini giunti al bivio decisivo della vita.
Demonlover, il film che Olivier Assayas porta in Croisette, ha già una definizione: thriller hi-tech. Ambientato tra Parigi, Giappone e Stati Uniti, la narrazione si muove attorno all´universo cyber dei manga porno in 3D dove una donna diventa spia nella concorrenza tra multinazionali miliardarie. E´ un film costoso (7.32 milioni di euro) tagliato a misura su una composizione femminile d´eccezione: insieme Connie Nielsen (Il gladiatore e Ghosts of mars), Chloë Sevigny (musa del cinema americano indipendente) e Gina Gershon (Showgirls). Per Assayas una sfida: «è un film violento e inquietante su diversi piani - dice - molto inconsueto per il cinema francese oggi. Ci sono immagini esplicite di sesso e altri elementi che mi causeranno problemi con la censura negli Stati Uniti». Demonlover ha punti in comune con il precedente Irma Vep, anch´esso basato su un´idea internazionale di cinema e, secondo la scuola della rivista Cahiers du cinéma, scritto in modo sperimentale.
Dopo La ville est tranquille e A' l´attaque (proclamato dai critici britannici il miglior film della stagione passata), Robert Guédiguian ha cambiato genere ed è passato al melodramma romantico: si chiama Marie-Jo et ses deux amours il film selezionato per Cannes quest´anno. Per il cineasta di Marsiglia, da sempre attento ai problemi del proletariato e delle discriminazioni sociali, passare al melodramma è stato come raccogliere una sfida insieme alla sua compagna che è anche la protagonista del film, l´attrice Ariane Ascaride. E´ la storia di una donna che vive con angoscia la scelta d´amore tra due uomini; sullo sfondo ancora Marsiglia e le sue problematiche urbanistiche. Cambia la forma ma il lavoro del cineasta francese continua ad essere lo stesso come ripete Guédiguian: «Non penso che un genere sia superiore ad un altro. Credo che la commedia sia importante come la tragedia. In Francia è sottovalutata e io la rivendico».
Di produzione israelo-francese il film del palestinese Elia Suleiman Intervention Divine. Sembra proprio che il film sia destinato a divenire il caso politico della manifestazione: si tratta infatti di una storia d´amore che si consuma tra le terre più tormentate dei nostri giorni, Ramallah e Gerusalemme. Il sofisticato regista, vissuto per anni a New York, fece discutere anche lo scorso anno con Cyber palestine centrato sulla ricerca dell´identità palestinese.
In concorso anche un film belga, quello dei fratelli Luc e Jean-Pierre Dardenne dal titolo Le fils. Dopo la palma d´oro per Rosetta, i Dardenne tornano a raccontare la loro terra natia, la Vallonia, ricca di contraddizioni, miseria e disgregazione culturale. Perché il cinema, hanno ribadito i due cineasti belgi, svolge sempre una funzione sociale.

San Sebastian Report
Jihlava
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss