L'altro volto della speranza (2017)
Grain (2017)
A Gentle Creature (2017)
Scary Mother (2017)
The Erlprince (2016)
Bigfoot Junior (2017)
Son of Sofia (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

GOYA 2011

email print share on facebook share on twitter share on google+

De la Iglesia, Bollaín e Villaronga in pole position per i Goya

di 

De la Iglesia, Bollaín e Villaronga in pole position per i Goya

Due tra i titoli più ammirati, Ballata dell'odio e dell'amore [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Álex de la Iglesia
scheda film
]
e También la lluvia, e una delle grandi sorprese della stagione, Pan negro [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(ha conquistato la critica e ha registrato un notevole numero di spettatori), con rispettivamente quindici, tredici e quattordici candidature, sono i grandi favoriti alla prossima edizione dei premi Goya, la cui cerimonia di consegna si terrà il prossimo 13 febbraio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Le pellicole di Álex de la Iglesia, Icíar Bollaín (rispettivamente presidente e vicepresidente dell'Accademia del Cinema incaricata di attribuire i premi, ma ogni ombra di conflitto di interessi si dissipi considerando il loro percorso artistico) e Agustí Villaronga se la dovranno vedere con l'altro grande protagonista dell'anno, Buried [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rodrigo Cortés
scheda film
]
(dieci candidature in tutto) di Rodrigo Cortés, nelle categorie di miglior film e di miglior regista.

Uno dei riconoscimenti più combattuti sarà sicuramente quello di miglior attore protagonista, per il quale Javier Bardem (Biutiful [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, ruolo per il quale è stato premiato a maggio a Cannes - leggi la news) parte con un discreto vantaggio rispetto a Luis Tosar (También la lluvia; l'anno scorso ha vinto in questa categoria per Cella 211 [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Daniel Monzón
scheda film
]
), Antonio de la Torre (Ballata dell'odio e dell'amore) e lo statunitense Ryan Reynolds (Buried).

De la Iglesia, che da quando ha assunto la carica di presidente dell'Accademia è riuscito ad aumentarne enormemente la visibilità e si è battuto in prima persona in quasi tutte le questioni che riguardano il settore (come la recente polemica sulla Legge Sinde - leggi la news), spera di spezzare con Ballata dell'odio e dell'amore la sua maledizione ai Goya (finora, un premio su dieci candidature). Oltre che per le tre categorie citate, il suo film concorrerà, tra gli altri, per il premio della migliore sceneggiatura originale (scritta per la prima volta senza Jorge Guerricaechevarría), attrice non protagonista (Terele Pávez), rivelazione femminile (Carolina Bang) e fotografia.

Il quinto lungometraggio di Icíar Bollaín, che rappresenterà la Spagna nella corsa all'Oscar per il miglior film in lingua non inglese (leggi la news), concorre inoltre ai premi della migliore sceneggiatura originale (opera di Paul Laverty), attore non protagonista (Karra Elejalde) e rivelazione maschile (Juan Carlos Aduviri).

Quattro autori di disputeranno il premio del miglior regista esordiente: David Pinillos (Bon Appétit [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Emilio Aragón (Pájaros de papel [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Juana Macías (Planes para mañana [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
) e Jonas Trueba (Todas las canciones hablan de mí). Questa categoria ha un gran valore come trampolino di lancio dei nuovi talenti del cinema spagnolo, come dimostra la lista dei suoi vincitori, tra cui figurano artisti quali Alejandro Amenábar, Agustín Diaz Yanes, Fernando León, Julio Médem, Juan Carlos Fresnadillo, Daniel Sánchez Arévalo e J. A. Bayona.

La lista completa dei finalisti può essere consultata sul sito ufficiale dell'Accademia del Cinema di Spagna.

(Tradotto dallo spagnolo)

Sarajevo Report
Locarno Report
Midpoint TV
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss