The Other Side of Hope (2017)
Félicité (2017)
Orpheline (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Waldstille (2016)
Dall'altra parte (2016)
Paris La Blanche (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Polonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Wroclaw muove verso "nuovi orizzonti"

di 

Wroclaw muove verso "nuovi orizzonti"

Più di 430 film (di cui 230 lungometraggi e 250 anteprime nazionali) da oltre 50 paesi: sono queste le cifre dell'11ma edizione di Nowe Horyzonty, il più grande festival di cinema in Polonia, al via da stasera a Wroclaw fino al 31 luglio.

La competizione internazionale Nuovi orizzonti è composta da titoli che rappresentano un cinema d'autore esigente e controverso. Questi 14 film inediti in Polonia sono in lizza per il Gran Premio (20 000 euro), il Premio del pubblico e il Premio FIPRESCI. Tra questi, il cinema polacco ha ampio spazio, con Code Blue [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Urszula Antoniak, The Price [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Paula Markovitch (fotografato dal polacco Wojciech Staroń) e Utopians del giovane regista e videoartista polacco Zbigniew Bzymek.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Nel programma della competizione figurano anche due film greci (Attenberg [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Athina Rachel Tsangari
scheda film
]
di Athina Rachel Tsangari e Homeland [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Syllas Tzoumerkas), una coproduzione austro-giapponese, (The Beginning and End of All Things di Edgar Honetschläger), Brownian Movement [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Nanouk Leopold (Paesi Bassi/Germania/Belgio), Dharma Guns [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di François-Jacques Ossang (Portogallo/Francia) e Gravedigger del regista ungherese Sándor Kardos.

Un'altra sezione tradizionale del festival di Wroclaw è la competizione internazionale riservata ai film sull'arte, che quest'anno comprende due titoli francesi interessanti: Free Radicals: A History of Experimental Film [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Pip Chodorov (presentazione personale dei film amati dal regista) e Des jeunes gens mödernes di Jérôme de Missolz (ritratto della generazione post-punk degli anni '70 e '80 attraverso lo sguardo dei giovani neo-punk di oggi).

Tra i dodici titoli selezionati c'è anche Self Made dell'artista concettuale britannica Gillian Wearing, in cui quest'ultima mostra i frutti di un esperimento cui ha sottoposto sette persone.

(Tradotto dal francese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home