Gutland (2017)
Panic Attack (2017)
Pororoca (2017)
Zama (2017)
120 battiti al minuto (2017)
In the Fade (2017)
Men Don’t Cry (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2011 Giornate degli Autori

email print share on facebook share on twitter share on google+

Ki e L'Hiver dernier, il coraggio di una madre single e di un giovane agricoltore

di 

Il figlio piccolo, i soldi che non bastano mai, un ex compagno inconcludente, i servizi sociali alle calcagna. La vita di Kinga, madre single di Varsavia, è semplicemente un caos. La sua storia è raccontata in Ki [+leggi anche:
trailer
intervista: Leszek Dawid
scheda film
]
, opera prima del polacco Leszek Dawid, presentata nell'ultima giornata dei Venice Days della 68ma Mostra di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Un film di finzione che assomiglia a un documentario, tanto la cinepresa segue da vicino la vita quotidiana di questa giovane donna, sempre in movimento: nella cucina di casa, dove allo stesso tempo prepara da mangiare, tiene occupato il figlio, risponde al telefono, controlla le bollette, si veste; per strada, dove corre con il passeggino facendo lo slalom tra i cumuli di neve; nell'Accademia d'arte dove fa la modella, e dove riceve le visite struggenti del suo ex compagno, mentre suo figlio sgambetta tra le tele degli allievi.

Un personaggio esplosivo (che per vitalità e abbigliamento eccentrico ricorda la Poppy di Happy-Go-Lucky [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Mike Leigh), interpretato in modo sottile da Roma Gasiorowska, premio della miglior attrice all'ultimo Festival del Cinema Polacco di Gdynia per questo ruolo. "Ki è ispirata a una ragazza madre che ho realmente conosciuto, che un giorno mi è piombata in casa con le sue mille esigenze. Per sopravvivere, non potevo fare altro che chiudermi in camera e scrivere", racconta lo sceneggiatore Pawel Ferdek. "Non c'è un inizio e una fine in questa storia", spiega il regista, "seguiamo Ki ed è come se vivessimo con lei un pezzetto della sua vita".

Andatura più lenta e contemplativa, ma stesso coraggio di vivere e lottare in L'Hiver dernier [+leggi anche:
trailer
intervista: John Shank
scheda film
]
del regista americano trapiantato a Bruxelles John Shank, anch'esso nella selezione dei Venice Days. Qui le giornate sono regolari, monotone, scandite dai ritmi della terra e del bestiame. Protagonista di questa coproduzione franco-belga, oltre al paesaggio splendido e selvaggio del Massiccio Centrale francese, è Johann (Vincent Rottiers), giovane agricoltore condannato a vivere su un altopiano isolato e a portare sulle spalle la responsabilità dell'azienda di famiglia, la cui sopravvivenza è a rischio. Un lascito che è fonte di gioia per lui, ma anche di fatica e dolore. Secondo il regista, "un film sull'attaccamento alla terra, sul confronto tra l'uomo e la natura, su una comunità di agricoltori e le sue regole, e sull'importanza dell'eredità, materiale e spirituale". Senza dubbio un film ben fotografato, che immerge lo spettatore in una realtà inconsueta, primitiva, antica.

IDW Supsi
Structural Constellations
CNC_ACM_Distribution_2017
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss