La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Les Arcs: un Villaggio delle Coproduzioni sempre più interessante

di 

- Tra i 29 progetti, i prossimi Radu Jude, Rúnar Rúnarsson, Daniele Vicari, Adrian Sitaru e Sharunas Bartas. E 10 titoli al Work-in-Progress

Les Arcs: un Villaggio delle Coproduzioni sempre più interessante

Una settimana dopo l'annuncio del suo bel programma (leggi l'articolo), il Festival del Cinema Europeo di Les Arcs (5^ edizione dal 14 al 21 dicembre 2013) ha annunciato la lista dei 29 progetti selezionati al Villaggio delle Coproduzioni. Sempre più popolare tra i professionisti dell'industria cinematografica del Vecchio Continente, l'evento (che si svolgerà dal 14 al 17 dicembre) ha avuto un'ampia scelta fra i 250 progetti candidati, un numero in netta crescita rispetto all'anno passato. Come ha spiegato a Cineuropa il direttore generale del Festival, Pierre-Emmanuel Fleurantin, "è una selezione molto omogenea, senza dubbio la migliore di sempre. Abbiamo privilegiato innanzitutto la qualità artistica dei progetti e il percorso precedente dei registi, poi abbiamo valutato il loro potenziale rispetto al mercato, perché devono poter conquistare non solo gli eventuali coproduttori, ma anche i distributori e i venditori internazionali. E grazie all'esperienza acquisita nel corso delle edizioni passate, abbiamo selezionato un buon assortimento di produttori affermati e di società in ascesa in Europa".  

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra i progetti (vedi la lista completa qui sotto) si distinguono i prossimi film del rumeno Radu Jude (ammirato alla Berlinale 2012 con Everybody in Our Family [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Radu Jude
scheda film
]
), del suo connazionale Adrian Sitaru (passato ai Venice Days nel 2008 con la sua opera prima Picnic e vincitore a Locarno nel 2011 del premio dell'interpretazione per Best Intentions [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) dell'islandese Rúnar Rúnarsson (scoperto alla Quinzaine des réalisateurs 2011 con Volcano [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), dell'italiano Daniele Vicari (vincitore del titolo della miglior opera prima a Venezia nel 2001, selezionato alla Settimana della Critica cannense nel 2005 e l'anno scorso al Panorama della Berlinale con Diaz [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Daniele Vicari
scheda film
]
), dello sloveno Jan Cvitkovic (ammirato a San Sebastian nel 2005 con Gravehopping) e del lituano Sharunas Bartas (in sezioni parallele a Berlino nel 1992, 1994 e 2010, a Venezia nel 2000, e a Cannes nel 1996, 1997 e 2005).

Tra gli altri progetti francesi, Le Front du Wakhan di Clément Cogitore, che ha ricevuto di recente una promessa di anticipo sugli incassi del CNC (news), e Le véritable sosie de Ceausescu di Philippe Pollet-Villard (Oscar 2008 del cortometraggio).

Dieci film (vedi la lista qui sotto), di cui saranno svelate alcune scene domenica 15 dicembre, sono stati selezionati nell'ambito del Work-in-Progress,sul quale Cineuropa tornerà presto nel dettaglio con Frédéric Boyer, direttore artistico del Festival di Les Arcs.

Si segnala inoltre, sempre per domenica 15 dicembre, un'interessante conferenza dedicata a "L'evoluzione del finanziamento: private equity, investimenti stranieri e strategia linguistica per i film europei" con l'intervento del produttore danese Peter Aalbeck Jensen (direttore generale di Zentropa), il suo omologo spagnolo Alvaro Longoria (Morena Films) e l'americana Anna Kokourina (vicepresidente della produzione per Fox International).

Lista dei progetti del Villaggio delle Coproduzioni:

Appetite di John Huddles - Deal Productions (Lussemburgo)

Un autre jour viendra di Tamara Erde - Illiade & Films (Francia) e Transfax Films (Israele)

Dogs [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Bogdan Mirica
scheda film
]
 di
Bogdan Mirica - 42 km Film (Romania) e EZ Films (Francia)

Equator di Hans Van Nuffel - Savage Film (Belgio)

The Fixer di Adrian Sitaru - 4 Proof Film (Romania) e Petit Film (Francia)

Freedom or Die di Valdimir Bazevski - Pank Film (Macedonia)

Le Front du Wakhan di Clément Cogitore - Kazak Productions (Francia), Komplizen Film (Germania) e Tarantula (Belgio)

The Good Soldier di Balint Kenyeres - Mirage Film (Ungheria)  

Heartstone [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Guðmundur Arnar Guðmundsson
scheda film
]
 di Gudmundur Arnar Gudmundsson - Frae Films (Islanda)

Histoire Rouge di Annarita Zambrano - Sensito Films (Francia)

I’ll Take Care of It di Ian Fitzgibbon - Grand Pictures (Irlanda)

Ivan’s Confirmation di Branko Schmidt - Spiritus Movens (Croazia), Dart Film (Serbia) e Dor Film (Austria)

Je suis le véritable sosie de Ceausescu di Philippe Pollet Villard - Karé Productions (Francia)

The Key di Timur Makarevic - SCCA/PRO.BA (Bosnia Erzegovina)

Long Way Down di Daniele Vicari - MIR Cinematografica (Italia)

The Longest Summer on Earth di Masa Neskovic - Dart Film (Serbia), Spiritus Movens (Bosnia Erzegovina)

Mercedes - Fire Horse di Jan Cvitkovic - Staragara (Slovenia), Transmedia (Italia) e Propeler Film (Croazia)

Les murs écorchés di Regine Abadia - Metaluna Productions (Francia) 

No Fun di Martine Doyen - Helicotronc (Belgio) 

Oktoberflesh (ancora senza regista) - Penny Dreadful Films (Regno Unito) e Little Kong Films (Germania)

Ola Kala di Didier Barcelo - Synecdoche (Francia)

Pass This On di Pedro Aguilera, autoprodotto (Spagna) 

Peace to us in our Dreams di Sharunas Bartas - Unlimited Films (Francia)

The Rams di Grimur Hakonarson - Netop Films (Islanda) 

Scarred Hearts di Radu Jude, prodotto da Ada Solomon - Hi Film Productions (Romania)

Sister of Mine di Pedro Aguilera - prodotto da Pedro Aguilera (Spagna)

Sparrows di Rúnar Rúnarsson - Nimbus Film (Danimarca)

Under the Pyramid [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Axel Petersén - Idyll (Svezia), SF (Danimarca) e Laila Films (Israele)

The Yard di Mans Mansson - Anagram (Svezia)

I film del Work-in-Progress:

In Your Name di Marco van Geffen - Lemming Film (Paesi Bassi), KinoElektron (Francia) e A Private View (Belgio)

The Judgment di Stephan Komandarev - Argo Film (Bulgaria), Neue Mediopolis Filmproduktion (Germania), Propeler Film (Croazia) e Sektor Film (Macedonia) 

Liebling di Jeroen Perceval - Savage Film (Belgio)

Paris of The North di Hafsteinn Gunnar Sigurdsson - Zik Zak Filmworks (Islanda), Profile Pictures (Danimarca) e Arizona Fims (Francia)

No One’s Child di Vuk Rsumovic - Art & Popcorn (Serbia)

The Reaper di Zvonimir Juric - Kinorama (Croazia) 

Sud Eau Nord Déplacer di Antoine Boutet - Les Films du Présent (Francia) e Sister Productions (Francia) 

Things I Cannot Tell di Nisan Dag e Esra Saydam - Karlakum Film (Turchia) 

The Way Out di Petr Vaclav - Cinema Defacto (Francia), Moloko Film (Repubblica Ceca)

Land di Jan-Willem van Ewijk - Augustus Film (Paesi Bassi), Endorphine Produktion (Germania) e Man’s Film (Belgio)

(Tradotto dal francese)

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring