Indivisibili (2016)
The Nile Hilton Incident (2017)
From the Balcony (2017)
On Body and Soul (2017)
Verano 1993 (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
Park (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINALE 2014 Panorama

email print share on facebook share on twitter share on google+

Berlinale: Un impressionante aggiornamento della tragedia greca in Brides

di 

- Il debutto di Tinatin Kajrishvili è una storia forte, emozionante e catartica

Berlinale: Un impressionante aggiornamento della tragedia greca in Brides

Brides [+leggi anche:
trailer
intervista: Tinatin Kajrishvili
scheda film
]
, debutto della georgiana Tinatin Kajrishvili in prima mondiale in Panorama alla Berlinale, potrebbe diventare l’In Bloom [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nana Ekvtimishvili e Simon…
festival scope
scheda film
]
 di quest’anno in termini di successo, anche se a livello artistico è superiore alla maggior parte dell’emergente produzione locale di bassa quantità e alta qualità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’attraente sarta Nutsa (l’esordiente Mari Kitia), quasi trentenne, sposa il fidanzato e padre dei due figli Goga (l’attore e regista Giorgi Maskharashvili), in prigione da quattro anni per scontare una pena di dieci per un crimine non specificato. La legge consente alle donne di visitare i parenti dietro una parete di vetro per un’ora al mese, ma solo se sposati.

La prima volta, Nutsa porta con sé la madre e i figli di Goga. La figlia più piccola ha di lui solo vaghi ricordi, mentre il figlio, che ha nove anni, ha per lui un rispetto basato su bugie — è chiaro che i bambini non vogliono più andare a trovarlo. Nutsa pensa a trovare delle scuse, ma non è l’unica cosa che nasconde al marito: nel frattempo ha incontrato un altro, e Goga scopre che qualcosa non va da una telefonata arrivata in orario sbagliato.

Presto le regole della prigione cambiano ancora, e i carcerati possono restare per 24 ore in privato con le proprie mogli. Quando Nutsa arriva con l’abito che indossava al loro primo incontro, e il film entra nella sua parte finale, siamo testimoni del segmento più emozionante dell’intero programma 2014 della Berlinale.

Kajrishvili riesce a ridurre perfettamente la struttura lasciando fuori dallo schermo, ma non dal film, alcuni eventi cruciali di ciascun atto, e riesce così a contenere il pathos fino al potente e inatteso finale catartico. Era molto tempo che la forma della tragedia greca antica e il suo impatto emotivo non avevano una versione moderna così riuscita.

Gli attori sono strumentali all’effetto, grazie al lavoro fantastico di Kitia e Maskharashvili. L’attrice esordiente è quella che mostra più emozioni, seppure non ovvie, con un personaggio diviso fra amore e sensi di colpa, speranze e realismo. L’attore ha un compito ancora più difficile: in ognuna delle scene di telefonate fra moglie e marito, Kajrishvili mostra quest’ultimo sullo schermo mentre la donna si sente solo nell’audio. In questi scambi, al tono perfetto di Maskharashvili si aggiunge la visualizzazione delle sue emozioni, e l’effetto d’insieme ha una forza esponenziale.

Ambientazione e fotografia di Goga Devdariani (A Fold in My Blanket del 2013, passato immeritatamente inosservato) degli interni fatiscenti della prigione e delle celle grigie non spingono il pubblico a notare la povertà dei personaggi: il loro problema non è il denaro, ma qualcosa di più importante. Rimosso l’aspetto sociale, resta il puro dramma umano.

L’ultimo capitolo di quella che si potrebbe chiamare “la new wave georgiana” è un ottimo prodotto e merita di essere visto da un pubblico più ampio di quello del circuito festivaliero.

Prodotto dalle compagnie di Tbilisi Gemini e Millimeter Film e dalla francese Ad Astra FilmsBrides era stato presentato al mercato di co-produzione del Sarajevo Film FestivalCineLink e al When East Meets West di Trieste. Il film è venduto all’estero da Rezo Films.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Film Business Course
Festival Scope Quinzaine
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss