Nocturama (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINALE 2014 Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

EFM: Pyramide surfa su Leviathan

di 

- Con una line-up piena di titoli interessanti in post-produzione, tra cui il prossimo Zvyagintsev, la società francese si è preparata per Cannes a Berlino

EFM: Pyramide surfa su Leviathan
Leviathan di Andreï Zvyagintsev

Di ritorno dalla Berlinale, la società francese di vendite Pyramide International ha annunciato il bilancio delle sue vendite all'European Film Market. Tra i titoli della line-up si è distinto in particolar modo Leviathan del russo Andreï Zvyagintsev, uno dei pretendenti più seri alla competizione del 67mo Festival di Cannes (dal 14 al 25 maggio 2014) e che è stato prevenduto per il Regno Unito (Curzon), Spagna (Golem), la Polonia (Against Gravity), Benelux (Lumière), Svizzera (Cineworx), i territori della ex Yugoslavia (MCF - Megacom Film), Grecia (Seven Film), Turchia (Calinos Film) e Australia (Palace Entertainment).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

A Berlino, la squadra diretta da Eric Lagesse e guidata da Lucero Garzon ha anche venduto il documentario La cour de Babel (School of Babel) [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
della francese Julie Bertuccelli (proiettato all'EFM e che Pyramide lancerà il 12 marzo nelle sale francesi) per il Regno Unito e l'Irlanda (New Wave Film), l'Italia (Kitchen Film), il Benelux (Les Films de l'Elysée) e la Svizzera (Agora Film).

Pyramide non manca di pezzi forti in post-produzione come Xenia del greco Panos Koutras, Le dernier coup de marteau (The Last Hammer Blow) di Alix Delaporte (leggi l'articolo – secondo lungometraggio della regista di Angèle et Tony [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) e Le beau monde (High Society) di Julie Lopes-Curval (con Ana Girardot, Bastien Bouillon e Sergi Lopez), senza dimenticare le opere prime Mountain (Montanha) del portoghese João Salaviza (leggi la news), Hope di Boris Lojkine (articolo) e Party Girldel trio Marie Amachoukeli - Claire Burger - Samuel Theis (articolo).

(Tradotto dal francese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home