Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Estonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Un nuovo horror estone in produzione

di 

- Ghost Mountaineer è uno dei primi film estoni di genere da decenni

Un nuovo horror estone in produzione
Il regista Urmas Eero Liiv

Uno dei primi film estoni di genere da ormai molti anni è in fase di riprese nel paese baltico. Ghost Mountaineer [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 (Must alpinist) di Urmas Eero Liiv è un film per il pubblico giovane con elementi horror, basato su eventi realmente accaduti in era sovietica.

Il film narra la storia di un gruppo di studenti dell’Estonia sovietica, che si ritrovano coinvolti in una serie di eventi spaventosi durante una gita di trekking in Siberia, in pieno inverno. Il capo del gruppo, Olle (Reimo Sagor), la cui impopolarità è eguagliata solo dalla disillusione con i suoi compagni durante il viaggio, scompare l’ultimo giorno sulle montagne. Il suo rivale, l’avventuroso e liberale Eero (Priit Pius), prende il suo posto e guida il gruppo nella discesa verso il villaggio di Buryat, per chiedere aiuto. Accade però una catena di eventi strani e insensati, che sembrano orchestrati dallo scomparso Olle. In una terra straniera, circondati da persone che non conoscono, i ragazzi dovranno confrontarsi con un compito che minaccia di travolgerli.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film ha nel cast Priit PiusRait ÕunapuuHanna Martinson, Liis Lass, Veiko Porkanen e Reimo Sagor accanto ai russi Vadim Andrejev e Igor Gasparjan. Urmas Eero Liiv è il regista e sceneggiatore, mentre il produttore è Anneli Ahven, che ha realizzato i recenti hit estoni Living ImagesDemons. Il film sarà prodotto da Kopli Kinokompanii.

(Tradotto dall'inglese)

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss