Thelma (2017)
Nico, 1988 (2017)
The Charmer (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Soleil battant (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2014 Mercato/Slovacchia/Repubblica Ceca

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il cinema ceco e slovacco mano nella mano sulla Croisette

di 

- CANNES 2014: Uno sguardo agli ultimi film da Slovacchia e Repubblica Ceca nelle proiezioni del Marché di Cannes

Il cinema ceco e slovacco mano nella mano sulla Croisette
Fair Play di Andrea Sedláčková

Il cinema ceco e slovacco condividono ancora una volta lo stesso spazio a Cannes. Il Padiglione 133 del Village International offre per l’undicesima volta uno sguardo ai due paesi. Le proiezioni di film domestici includono film cechi e slovacchi e co-produzioni con i due paesi. Una delle più recenti e interessanti co-produzioni al mercato è Fair Play [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, terzo film di Andrea Sedláčková, che segue l’onda di pluripremiati successi di critica come In the Shadow [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Burning Bush [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, e narra l’insolita storia sportiva di doping e integrità personale durante la normalizzazione (il periodo successivo all’invasione russa, NdT).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Le co-produzioni Children e Places, attualmente in post-produzione, saranno proposte come work in progress. Children, diretto dal documentarista slovacco Jaro Vojtek, racconta quattro storie incentrate sulle relazioni tra genitori e figli e in parallelo la situazione sociale in Slovacchia. Places del ceco Radim Špaček unisce amore e perdita in un cocktail di colpa, paura e vendetta nella vicenda della spensierata Anna, che irrompe nelle vite senza obiettivi degli adolescenti Adam e Marek. La Slovacchia presenta anche Normalization di Róbert Kirchhoff, nel Doc Corner, vincitore del Premio nazionale The Sun in a Net al Miglior Documentario e documentario più visto nelle sale nel 2013. La Repubblica Ceca ha contribuito con un numero considerevole di documentari, come quello sulla vita e la morte dell’architetto radicale David Kopecký, DK, il progetto sul controverso tema dell’eugenetica Eugenic Minds e The Return of Agnieszka H, che rievoca la vita della giovane filmmaker polacca Agnieszka Holland durante gli studi al FAMU di Praga.

La Repubblica Ceca presenta inoltre i work in progress US2 e Nowhere in Moravia. US2, diretto da Slobodanka Radun, è descritto come “la storia di una ragazza perduta, un parrucchiere gay ed il loro tentativo di sfuggire ai vincoli al loro desiderio di appartenere a qualcuno. è una storia d’amore del XXI secolo”. Nowhere in Moravia segue Maruna, barista la cui vita è sconvolta dalla inattesa gravidanza. Oltre a questo, la tranquilla atmosfera del suo paesino è disturbata dall’omicidio di una donna del posto da parte di due silvicoltori che abitavano con lei nello stesso cottage. Il film è un debutto scritto e diretto dal noto attore e regista teatrale Miroslav Krobot, già in The Man from London [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Béla Tare.

I due paesi sono rappresentati anche nell’iniziativa Producers on the Move. Mátyás Prikler (leggi l’intervista) è un regista e produttore slovacco (per la sua MPhilms Ltd) che ha esordito con Fine, Thanks [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Tra gli altri progetti, ha prodotto il film collettivo Slovakia 2.0, realizzato da segmenti di dieci minuti di diversi registi slovacchi. TomášHrubý (leggi l’intervista) di nutprodukce rappresenta la Repubblica Ceca, e ha prodotto il maggiore successo del 2013, Burning Bush, l’apprezzato corto d’animazione Pandas e i documentari Fortress [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e The Great Night. Quest’ultimo, studio della vita notturna e dell’insonnia in città, sarà proposto anche in Doc Corner.

La rivista slovacca Kinečko supporta lo Slovak Film Institute nella promozione del cinema slovacco a Cannes con un’edizione speciale dedicata ai film slovacchi nel circuito festivaliero internazionale e domestico, e presenta anche altre riviste di cinema slovacche.

(Tradotto dall'inglese)

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss