Nico, 1988 (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Soleil battant (2017)
Il mio Godard (2017)
Thelma (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

KARLOVY VARY 2014 East of the West

email print share on facebook share on twitter share on google+

Afterlife: un film di elevati spiriti

di 

- Il film ungherese ha aperto il concorso East of the West a Karlovy Vary con grande originalità

Afterlife: un film di elevati spiriti

Afterlife [+leggi anche:
trailer
making of
intervista: Virág Zomborácz
scheda film
]
, commedia ungherese particolare e riuscita che ha aperto il concorso East of the West al Karlovy Vary International Film Festival, è il delizioso debutto di Virág Zomborácz. Grazie a scene molto divertenti inserite in un mondo di balordi con elementi di ghost story, il film è strano, ma gratificante.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mózes non sembra mai all’altezza delle aspettative del padre pastore, e alla sua morte improvvisa la pressione che ha sentito tutta la vita sembra svanire. Mózes vede però il fantasma del padre, che non parla ma lo segue ovunque, e dovrà trovare un modo per esorcizzare lo spirito. Intraprende così una serie di compiti che ritiene riusciranno a liberarlo dalla presenza paterna, e la sua vita inizia lentamente a cambiare. Ma se il padre ritrovasse la coscienza, per Mózes tornerebbero i vecchi tempi?

Zomborácz ha un tocco abile per la commedia nera, e riesce a mettere il pubblico fuori uso con con spaccati assurdi (come il fantasma che dondola dolcemente in un parco giochi per bambini) e scene coreografate ad arte come la disastrosa messa in scena della Natività nella quale tutto ciò che può andare male lo fa. Ma sono molto presenti elementi più cupi, e nella generale ilarità c’è un’analisi dolorosa del controllo genitoriale del desidero di eliminarlo per trovarne uno proprio. E gli amanti dei cani sono avvisati: si tengano forte per certe scene verso la fine del film.

Márton Kristóf è ottimo nel ruolo del timoroso Mózes, caotico e goffo ma sicuramente simpatico, mentre László Gálffi domina tetro nel ruolo di presenza soprannaturale del film.

Con un buon passaparola già vivace a Karlovy Vary, il film può sicuramente piacere al pubblico festivaliero (a meno di non essere uno dei succitati amanti dei cani) ed è una scommessa sicura per la distribuzione internazionale.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss