Corpo e anima (2017)
The Square (2017)
Loving Vincent (2016)
The Nothing Factory (2017)
Soleil battant (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

LOCARNO 2014 Palmarès

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il Festival di Locarno svela un palmarès ricco di film europei dai toni indipendenti

di 

- Il festival del film di Locarno svela i nomi dei suoi vincitori. Ancora una volta, e come tradizione, è il cinema indipendente ad essere (multi) premiato

Il Festival di Locarno svela un palmarès ricco di film europei dai toni indipendenti
Lav Diaz

Sebbene sia il filippino Mulas Sa Kung Ano Ang Noon (From What Is Before) di Lav Diaz ad aggiudicarsi il Pardo d'oro del Festival di Locarno, il cinema europeo porta comunque a casa tre premi importanti nel concorso internazionale. La scelta di aggiudicare il premio più importante della manifestazione al nuovo film di Lav Diaz (di una durata di 338 minuti) dimostra come Locarno non abbia perso nulla della sua forza che risiede nel sostegno di un cinema indipendente, esigente fino quasi all'intransigenza. "In Mulas Sa Kung Ano Ang Noon spazio e tempo si annullano. Siamo di fronte a un costante inizio nonostante la lunghezza del film. Una vera esperienza cinematografica", così i membri della giuria descrivono il vincitore del Pardo d'oro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quest'anno è il Portogallo ad aggiudicarsi un altro premio importante nel Concorso internazionale. Pedro Costa e il suo Cavalo Dinheiro [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, film che si allinea in qualche modo con il vincitore del Pardo d'oro per il suo modo radicale e forte di raccontare, si aggiudica il Pardo per la miglior regia. I premi per la miglior interpretazione (maschile e femminile), sempre nel concorso internazionale, vanno a due attori europei: alla francese Ariane Labed, che si aggiudica il premio per la miglior interpretazione femminile grazie al suo ruolo di marinaia alle prese con una vita intima tormentata, in Fidelio, l'odyssée d'Alice [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lucie Borleteau
scheda film
]
di Lucie Borleteau; e al russo Artem Bystov che ci regala un personaggio di una forza rara, un eroe dei tempi moderni soffocato da una realtà drasticamente ostile (Durak [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yury Bykov
scheda film
]
di Yury Bykov).

Anche il Concorso Cineasti del presente (vero e proprio spazio di scoperta dedicato ad opere prime e seconde di giovani registi emergenti) riserva due belle sorprese. Il giovane cineasta francese, Damien Manivel, si aggiudica, con il suo primo lungometraggio Un jeune poète [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, la Menzione speciale della giuria. Mentre il film italo canadese La creazione di significato di Simone Rapisa Casanova si porta a casa il prestigioso Premio per il miglior regista emergente.

Nel concorso Pardi di domani (piattaforma per i talenti in divenire dedicata a cortometraggi e mediometraggi) è il film Abandoned Goods degli inglesi Pia Borg e Edward Lawrence ad aggiudicarsi la distinzione più importante: Il Pardino d'oro per il miglior cortometraggio internazionale-Premio SRG SSR. Un'altra bella sorpresa è rappresentata da Shipwreck dell'olandese Morgan Knibbe che si aggiudica ben due premi: il Pardino d'argento SRG SSR per il Concorso internazionale e la Nomination di Locarno agli European Film Awards. Per quanto riguarda il Concorso nazionale, il premio più importante, il Pardino d'oro per il miglior cortometraggio svizzero, è stato vinto dalla regista italo-svizzera Sarah Arnold e il suo Totems.

Europei anche i due importanti premi Prix du Public UBS e Variety Piazza Grande Award che sono andati rispettivamente allo svizzero Schweizer Helden [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Peter Luisi e a Marie Heurtin [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Pierre Améris. Sempre ad un film francese, Parole de Kamikaze [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sawada Masa, è infine andata la Menzione speciale nella sezione Opera prima.

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss