The Party (2017)
The Square (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
The Basics of Killing (2017)
Loving Vincent (2016)
Nico, 1988 (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2014 Premi

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il Leone d'Oro a Roy Andersson, Argento a Andrej Konchalovskij

di 

- VENEZIA 2014: Gran Premio della Giuria a The Look of Silence di Joshua Oppenheimer, Migliori attori i protagonisti di Hungry Hearts

Il Leone d'Oro a Roy Andersson, Argento a Andrej Konchalovskij
Roy Andersson

Al termine di una Mostra all'insegna del più crudo realismo, è stata premiata la poesia. Il presidente della Giuria Alexandre Desplat ha parlato di "dieci giorni e venti film con momenti intensi di discussioni appassionate ma con grande godimento". La giuria composta anche da Joan Chen, Philip Gröning, Jessica Hausner, Jhumpa Lahiri, Sandy Powell, Tim Roth, Elia Suleiman e Carlo Verdone ha scelto "dei film la cui visione ci ha permesso di coglierne il lato filosofico e politico e che ci ha appassionato per l'aspetto poetico e umanistico". Compito difficile giudicare i colleghi. "Viva la musica, viva il cinema" è stato il grido finale di Desplat.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Leone d'oro per il miglior film è andato dunque allo svedese Roy Andersson per A Pigeon Sat on A Branch Reflecting on Existence [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Roy Andersson
scheda film
]
il film con il titolo più lungo e la storia più lunare, poetica e folgorante della 71ma Mostra. Andersson, 71 anni e solo 5 film ha ringraziato "il cinema italiano, in particolare Ladri di biciclette. Il cinema dovrebbe essere pieno di empatia come quello di De Sica".

Anche il Leone d'Argento per la Miglior Regia è partito per il Nord Europa, nelle mani di Andrej Konchalovskij per The Postman's White Nights. "Strana sensazione", ha commentato, "perché 52 anni fa ero su questo palco per il mio primo Leone. Felice come allora, come un bambino. In ognuno di noi che facciamo cinema c'è un bambino, grazie al cielo. Ma domani ci risveglieremo adulti". 

Meritato e previsto anche il Gran Premio della Giuria a The Look of Silence [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Joshua Oppenheimer. Il regista,  bloccato in aeroporto a Chicago, ha spedito un video-messaggio sulla vittoria del suo film che dà voce ad un sopravvissuto ai genocidi della rivoluzione in Indonesia. Commosso per l'accoglienza del pubblico della Mostra "che anche se non chiude un cerchio, ha avviato un processo di guarigione". Tim Roth ha voluto aggiungere che questo film "è un capolavoro, è spettacolare, un film che mi commuove al di là di ogni parola, è come la nascita di un figlio". 

Coppa Volpi per la Miglior interpretazione maschile allo statunitense Adam Driver per Hungry Hearts [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Saverio Costanzo
scheda film
]
di Saverio Costanzo, la qual cosa ha provocato la costernazione della stampa presente in sala. All'annuncio di Desplat che la coppa Volpi andava anche alla protagonista femminile del film di Costanzo, Alba Rohrwacher, sono partiti i booo. Con un filo di voce, emozionatissima, Alba ha salutato il collega Adam e il regista, definito "coraggioso e tenace".

Premio Marcello Mastroianni per un giovane attore a Romain Paul protagonista del francese Le dernier coup de marteau [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. Romain ha ringraziato per la fiducia il regista Alix Delaporte. Miglior sceneggiatura al film Ghesseha (Tales) della regista iraniana Rakhshan BanietemadPremio speciale della Giuria a sorpresa a Sivas [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del turco Kaan Mujdeci, che ha dedicato il premio al padre del piccolo protagonista che è mancato in questi giorni.

La Giuria internazionale della sezione Orizzonti presieduta da Ann Hui e composta da Moran Atias, Pernilla August, David Chase, Mahamat-Saleh Haroun, Roberto Minervini e Alin Taşçiyan, ha premiato come miglior film Court di Chaitanya Tamhane, premiato anche dalla Giuria per la Miglior Opera Prima. Premio Orizzonti per la migliore regia a Theeb di Naji Abu Nowar. Premio Speciale ad un altro italiano, il grottesco e geniale Belluscone. Una storia siciliana [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Franco Maresco.

La lista dei vincitori

Leone d'oro del miglior film 
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence, Roy Andersson

Gran Premio della giuria
The Look of Silence, Joshua Oppenheimer

Leone d'argento per la migliore regia
Andrei Konchalovskij, The Postman's White Nights

Premio speciale della giuria
Sivas, Kaan Müjdeci

Coppa Volpi della miglior interpretazione maschile
Adam Driver, Hungry Hearts (Saverio Costanzo)

Coppa Volpi della miglior interpretazione femminile
Alba Rohrwacher, Hungry Hearts (Saverio Costanzo)

Premio Marcello Mastroianni
Romain Paul, Le dernier coup de marteau (Alix Delaporte)

Osella della miglior sceneggiatura
Ghesseha (Tales), Rakhshan Banietemad & Farid Mostafavi

Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima "Luigi De Laurentiis"
Court, Chaitanya Tamhane

Orizzonti

Miglior film
Court, Chaitanya Tamhane

Miglior regia
Naji Abu Nowar, Theeb

Premio speciale della giuria
Belluscone. Una storia siciliana, Franco Maresco

Premio speciale per la miglior interpretazione maschile
Emir Hadžihafizbegović, These Are The Rules (Ognjen Sviličić)

Miglior cortometraggio
Maryam, Sidi Saleh

(Tradotto dall'inglese)

EPI Distribution
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss