Nico, 1988 (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Soleil battant (2017)
Il mio Godard (2017)
Thelma (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SAN SEBASTIAN 2014 Zabaltegi

email print share on facebook share on twitter share on google+

Negociador: un affaire basco poco divertente

di 

- Originario di San Sebastian, Borja Cobeaga gioca in casa con il suo nuovo film dopo il travolgente successo come sceneggiatore di Ocho apellidos vascos

Negociador: un affaire basco poco divertente

C’era molta attesa al Festival di San Sebastian per il nuovo lavoro del regista locale 37enne Borja Cobeaga, autore di Pagafantas [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Borja Cobeaga
scheda film
]
e No controles [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. In primo luogo, perché la pellicola tratta un tema particularmente delicato per il popolo basco: i negoziati del governo spagnolo con il gruppo terroristico ETA. Secondo: perché l’esito della commedia di Emilio Martínez Lázaro, Ocho apellidos vascos [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, il più clamoroso incasso del cinema spagnolo di tutti i tempi con oltre 50 milioni di euro, e di cui Cobeaga è co-sceneggiatore insieme a Diego San José, portava a immaginare – o sperare – un successo simile (almeno nel demolire tabù e ridicolizzare luoghi comuni), sebbene, si sa, i paragoni siano odiosi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il fatto che Negociador [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
non facesse parte della selezione ufficiale, dove si sarebbe ritrovato ad affiancare altri titoli baschi como Loreak (Flores) [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Lasa y Zabala [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che trattano lo stesso conflitto da un’ottica – e genere – diametralmente opposti, lasciava presagire che il film non avesse ampio respiro. Questi tristi presagi, purtroppo, si sono rivelati veri.  

Questa commedia, ultimata a tutta velocità per essere mostrata per la prima volta al pubblico di San Sebastian, ci presenta Manu Aranguren (un magnifico, come sempre, Ramón Barea: basta ricordarlo, in un registro completamente diverso, in La herida [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Fernando Franco
festival scope
scheda film
]
), un politico che i suoi vicini di San Sebastian non guardano di buon occhio perché è il portavoce del governo di Madrid nei negoziati con l’ETA. L’uomo, che non sa nemmeno usare un telefono cellulare, riceve l’incarico di recarsi in un hotel francese per avviare un colloquio con un rappresentante dell’organizzazione terroristica e lì, con tutta la sua simpatia, buone intenzioni e cordialità, cercherà di portare il suo tentativo di pacificazione a buon fine. Perché in fondo è di questo che si tratta: di parlare tra uomini normali, con i loro capricci, manie e bisogni primari.

La grande sfida, il valore principale e l’originalità della proposta sta proprio in questo: nel demistificare qualcosa di così drammatico e solenne come potevano essere i negoziati in quel momento. E l’inizio promette bene, il tono di leggerezza va impregnando ogni situazione e un dialogo magnifico tra Manu e una prostituta scatena le risate del pubblico, ma l’insieme si sgonfia mano a mano che alcuni episodi un po’ insulsi vanno sviluppandosi, finendo per scadere nella barzelletta.

La messa in scena, minima, povera e quasi sciocca, non aiuta a risollevare lo spirito di un film che alla fine si risolve in un banale sketch, come se fosse un episodio del programma umoristico Vaya semanita – che Cobeaga diresse anni fa – o un cortometraggio dei suoi primi anni da regista. Come lungometraggio rimane invece piccolo, lasciando un sapore disincantato nello spettatore desideroso di godere di un film che si aspettava più critico, satirico e mordace, vista la promettente carriera di questo giovane e inquieto cineasta.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss