Thelma (2017)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
Il mio Godard (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SAN SEBASTIAN 2014 Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

Eden: Un viaggio nella malinconia

di 

- Dopo la prima mondiale a Toronto, viene proiettato a San Sebastian il quarto film di Mia Hansen-Løve, che si snoda lungo vent’anni della vita di un Dj parigino.

Eden:  Un viaggio nella malinconia

Il quarto film di Mia Hansen-Løve, Eden [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Charles Gillibert
intervista: Mia Hansen-Løve
scheda film
]
, proiettato nella Sezione Ufficiale del festival di San Sebastian dopo la prima mondiale a Toronto, è forse il suo lavoro più soddisfacente e di sicuro il meno  controllato a livello emotivo.

Snodato lungo vent’anni della vita di un Dj parigino, il film è un dramma profondo, malinconico ed elegante, ambientato nel mondo della musica elettronica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La vicenda si apre nel 1992: Paul (Félix de Givry) è uno studente universitario che frequenta il mondo in espansione della musica elettronica parigina, e aspira a diventare Dj. Con il suo amico Stan (Hugo Conzelmann, di Something in the Air [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Olivier Assayas
scheda film
]
) forma un duo garage (all’epoca sottogenere di spicco della musica house, il cui successo ebbe però breve durata) chiamato Cheers, e insieme cominciano a suonare nei club sulla scia dei Daft Punk, che in pochi anni divennero delle star. La Hansen-Løve, però, si concentra su quelli che non ce l’hanno fatta.

Il desiderio di Paul di fare musica e vivere da Dj di successo non è supportato a parole dall’apprensiva madre, che lo aiuta comunque finanziariamente durante le sue battaglie contro le pretese di una scena musicale in continua evoluzione, l’abuso di cocaina, la morte di un amico, e un’ampia successione di fidanzate. Tra queste, la newyorchese Julia (una sorta di semi-cameo di Greta Gerwig) e Louise (un’intensa Pauline Etienne, meglio nota per il recente ruolo in The Nun [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Guillaume Nicloux
festival scope
scheda film
]
), con cui avrà una lunga e complicata relazione fatta di continui tira e molla.

All’apice della loro breve popolarità, i Cheers suonano a New York; si tratta di uno dei momenti più affascinanti del film, in particolare per la scena del litigio dolorosamente realistico tra Paul e Louise, subito dopo aver fatto visita a Julia (che ora è incinta e vive con il proprio fidanzato). Ma dopo l’esibizione nella storica cornice del MoMa PS1, per il duo di Dj inizia la discesa. 

Con un’empatia atipica per i suoi lavori precedenti, la Hansen-Løve esplora nel dettaglio la lotta del protagonista per riuscire a vivere di ciò che ama. Si tratta di un argomento che oggi riguarda la maggior parte dei giovani della classe media di tutt’Europa, e sebbene la regista eviti qualsiasi sentimentalismo (brutalmente ovvio, per esempio, in Goodbye First Love [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Mia Hansen-Love
scheda film
]
), il lungo viaggio che intraprende con i suoi personaggi la mostra in una luce più sensibile.

Anche dopo 131 minuti, il film non sembra mai troppo tirato o indulgente. Al contrario, offre al pubblico il tempo e lo spazio mentale per conoscere bene Paul (interpretato da Givry con grande realismo e consapevolezza del personaggio) e l’universo nel quale abita. Del resto, la realtà della musica house parigina è solo lo sfondo per una storia che agli spettatori suonerà vera indipendentemente dal loro stile di vita e dai gusti musicali.

Le scenografie di Anna Falguères (Our Children [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
) e i costumi di Judy Shrewsbury (collaboratrice abituale di Claire Denis) danno vita a questo mondo con precisione meticolosa, ma il merito per l’approccio e l’espressione chiara dell’idea registica va sicuramente al direttore della fotografia Denis Lenoir (che quest’anno partecipa anche con Still Alice); la storia, complessa e ricca di dettagli, è messa insieme efficacemente dalla montatrice abituale della Hansen-Løve, Marion Monnier.

Eden è stato prodotto da CG Cinema, mentre Kinology ne cura la distribuzione internazionale.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss