The Square (2017)
In the Fade (2017)
Makala (2017)
Happy End (2017)
120 battements par minute (2017)
Jupiter's Moon (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Polonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

The Tribe trionfa al Tofifest

di 

- Il film ucraino trionfa a Toruń. L'Angelo d'argento va a Snow Therapy e Waterline vince nella sezione competitiva From Poland

The Tribe trionfa al Tofifest
The Tribe di Myroslav Slaboshpytskiy

L’Angelo d'oro, ovvero il grande premio del Tofifest IFF di Toruń, è stato vinto da The Tribe [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'ucraino Myroslav Slaboshpytskiy (già vincitore del Grand Prix 2014 durante la Semaine de la Critique di Cannes), descritto dalla giuria della manifestazione polacca come un "grido silenzioso e toccante contro l'inumanità.” L’Angelo d'argento è andato a un altro film scoperto a Cannes: Snow Therapy [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
dello svedese Ruben Ostlund. Da ricordare Corn Island [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: George Ovashvili
scheda film
]
di George Ovashvili che ha ottenuto una menzione speciale e che il miglior film della sezione competitiva From Poland è stato Waterline di Michal Otlowski.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’Ucraina non si è fatta notare solo nel palmarès ma anche perché il  paese è stato oggetto di un dibattito (intitolato "Ukraine - The Future of Culture") durante il Tofifest 2014. Come hanno sottolineato i partecipanti (in particolar modo la regista Olena Fetisova, il regista Volodomyr Kozyr e l'attivista del gruppo Babylon ’13 Larysa Artiugina), la cultura in Ucraina non può contare sull'esistenza di un sistema organizzato di sostegno pubblico di finanziamento e di istituzioni nazionali forti, in particolar modo nel campo del cinema.

Il settore della cultura ucraina conta sulla Polonia, e anche sugli altri paesi del Vecchio Continente, per essere aiutata nel processo di creazione di principi di funzionamento a livello europeo. Perché il potenziale è importante: “L'Ucraina è come una buona bottiglia di champagne invecchiata per molti anni. Quel che bisogna fare ora è stapparla e far sì che il bouquet si diffonda. Ecco dov'è la nostra cultura. Conquisteremo l'Europa. Ci serve solo un po' di tempo e... un po' di pace", ha concluso Olena Fetisova.

(Tradotto dal francese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017