Brimstone (2016)
El bar (2017)
Sage Femme (2017)
The Fixer (2016)
The Giant (2016)
Nocturama (2016)
Fiore (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

ROMA 2014 Prospettive Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Index Zero, il presente prossimo venturo

di 

- Presentato al Festival di Roma l'esordio del giovale Lorenzo Sportiello è un film di fantascienza che tocca i grandi temi dell'immigrazione e della biotecnologia

Index Zero, il presente prossimo venturo

Un futuro prossimo apocalittico in cui vige l'eugenetica. E' un sotto-genere che la fantascienza sta affrontando da molto tempo e che il giovane regista Lorenzo Sportiello ha voluto dare un contributo con la sua opera prima Index Zero [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentata in Prospettive Italia allo scorso Festival di Roma. Un film che dice la sua sui grandi temi dell'immigrazione e della biotecnologia attraverso una lente distopica. Recitato in inglese  dal britannico Simon Merrells (The Wolfman),  la Shooting Star romena 2012 Ana Ularu (Una folle passione, in arrivo sugli schermi europei) e Antonia Liskova, attrice slovacca naturalizzata italiana (Riparo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), Index Zero aspira evidentemente ad una distribuzione internazionale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Siamo nel 2035, Eva, incinta, e Kurt, sono all'estremo delle loro forze nel tentativo di penetrare illegalmente entro i confini d'Europa, diventato un continente off limits in seguito alla crisi economica globale. In questo caso il Grande Fratello è una sorta di psico-ministero della Salute che controlla il grado di "sostenibilità" (ambientale, energetica, economica, alimentare, sociale) di ciascuno. Il punteggio ottenuto dal test è diventato merce di scambio in un mondo che controlla tutto, incluse le nascite. Fuori, oltre le barriere, i "non-sostenibili" protestano e premono sui confini.

I riferimenti più palesi sono Gattaca di Andrew Niccol, ambientato in un futuro prossimo in cui le lotte di classe sono tra chi è nato programmato geneticamente e chi con un patrimonio genetico naturale, e Codice 46 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michael Winterbottom, che descrive una società in cui chiunque deve avere un certificato di assicurazione, mentre tutti gli altri abitano nel deserto fuori dalle città. Molti altri i paragoni possibili, ma Lorenzo Sportiello, con una regia low budget ed efficaci effetti visivi quasi impercettibili, riesce a evitare il rischio di naïveté. Come afferma lo stesso regista, "usare il genere per metaforizzare l’attualità è la possibilità più intrigante della fantascienza. Index Zero non vuole essere una rappresentazione distopica del futuro, ma una proiezione realistica del nostro presente distopico".

Leggi anche

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring