On Body and Soul (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
The Square (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
Spoor (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FILM Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Torneranno i prati, Ermanno va alla guerra

di 

- A cento anni dall'inizio della Prima Guerra Mondiale, il maestro Ermanno Olmi racconta la sua visione di un conflitto che è costato la vita a 16 milioni di esseri umani

Torneranno i prati, Ermanno va alla guerra

Inverno del 1917, fronte Nord-Est, gli ultimi scontri della Grande Guerra. Un caposaldo italiano a quota 1800 metri, sull'altopiano di Asiago, quello dei romanzi di Mario Rigoni Stern. Neve dappertutto, la trincea austriaca è così vicina che si può sentire il respiro dei soldati nemici. 

A cento anni dall'inizio della Prima Guerra Mondiale, il maestro Ermanno Olmi racconta con Torneranno i prati [+leggi anche:
trailer
intervista: Ermanno Olmi
scheda film
]
la sua visione di un conflitto che è costato la vita a 16 milioni di esseri umani, così come  gliel'ha restituita la memoria di suo padre, chiamato alle armi a 19 anni, per ritrovarsi dentro la carneficina del Carso e del Piave. Un dramma che segnò la sua giovinezza e il resto della sua vita, come per milioni di altri.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Una magnifica e livida fotografia che tende al bruno (del figlio del regista, Fabio) incornicia lo spazio angusto di un avamposto nell'arco di una sola nottata, quando arrivano un maggiore (Claudio Santamaria) e un giovane tenentino (Alessandro Sperduti) con ordini suicidi provenienti dal comando supremo.

Olmi aveva detto la sua sulla guerra già nel 2001 con il bellissimo Il mestiere delle armi, che descrive il passaggio nel XVI secolo alle armi da fuoco che trapassano le armature e contro le quali nulla può più il coraggio o l'abilità dello stratega. “La guerra è una brutta bestia che gira il mondo e non si ferma mai”, recita la frase posta in epigrafe di Torneranno i prati, una sentenza pronunciata da Toni Lunardi, l’attore-pastore che il regista volle protagonista dei Recuperanti nel lontano 1970. Una condanna senza appello che Olmi fa sua.

Ma in quella truppa scoraggiata, assiderata dal freddo, decimata dai cecchini e da una febbre influenzale, Olmi vuole soprattutto che si riconosca l'Italia a lui cara, quella contadina, che indossava gli zoccoli, quella dai mille dialetti e dai gesti vitali e i pensieri più semplici, ora disperati, espressi dagli attori guardando in macchina.

Prodotto da Cinemaundici di Luigi e Olivia Musini (Anime nere [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Francesco Munzi
scheda film
]
) con Ipotesi Cinema e RAI Cinema, Torneranno i prati esce con 01 il 6 novembre, preceduto da un evento speciale oggi 4 novembre, anniversario dell’Armistizio, quando il film vedrà un'unica proiezione in contemporanea in quasi 100 Paesi, organizzata dalle Ambasciate, dai Consolati e dagli Istituti di Cultura italiani all’Estero e che interesserà, con la collaborazione del Ministero della Difesa, anche i contingenti di pace italiani in Afghanistan, Kosovo e Libano.

Trovate qui la mappa delle anteprime nel mondo.

Leggi anche

Astra
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss