La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

TORINO 2014 Premi

email print share on facebook share on twitter share on google+

Mange tes morts miglior film al Torino Film Festival

di 

- A For Some Inexplicable Reason, dell’ungherese Gábor Reisz, vanno il premio della giuria e anche il premio del pubblico. Due menzioni speciali a N-Capace di Eleonora Danco

Mange tes morts miglior film al Torino Film Festival
Mange tes morts di Jean-Charles Hue

Sono i rom on the road portati sullo schermo da Jean-Charles Hue ad aver conquistato i giurati del 32° Torino Film Festival, conclusosi sabato scorso. La giuria del Concorso Internazionale Lungometraggi composta da Ferzan Ozpetek, Geoff Andrew, Carolina Crescentini, Debra Granik e György Pálfi ha infatti assegnato il premio del Miglior Film (dotato di € 15.000) al francese Mange tes morts [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, svelato lo scorso maggio alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes (leggi la recensione).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Va a un film ungherese, invece, il Premio Speciale della giuria (€ 7.000): la commedia esistenzial-surreale For Some Inexplicable Reason [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Gábor Reisz (in prima mondiale a Karlovy Vary – leggi la recensione), cui è stato assegnato a Torino anche il Premio del pubblico.

N-Capace dell’italiana Eleonora Danco (leggi la recensione) si aggiudica due Menzioni speciali: quella della giuria “perché ci ha colpito emotivamente e intellettualmente con un ritratto, così lirico e penetrante, dell’Italia di oggi” (questa la motivazione); e un’altra menzione ai personaggi intervistati nel film (“abbiamo apprezzato i loro contributi al film, che sono divertenti e onesti e che ci hanno insegnato moltissimo”).

Il Premio per la Miglior attrice è andato ex aequo a Sidse Babett Knudsen, nel ruolo di Cynthia in The Duke of Burgundy [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Peter Strickland (Regno Unito) e a Hadas Yaron, nel ruolo di Meira in Felix & Meira di Maxime Giroux (Canada). Sempre di Felix & Meira è il Miglior attore, Luzer Twersky, che nel film canadese interpreta Shulem.

Il Premio per la Miglior sceneggiatura va al divertentissimo What We Do in the Shadows di Jemaine Clement e Taika Waititi (Nuova Zelanda), sulla vita quotidiana di quattro vampiri a Wellington.

Premio FIPRESCI a Mercuriales [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Virgil Vernier; Premio Cipputi – Miglior film sul mondo del lavoro a Triangle di Costanza Quatriglio. Miglior documentario internazionale (€ 5.000) è Endless Escape, Eternal Return di Harutyun Khachatryan (Armenia/Olanda/Svizzera), Miglior doc italiano (€ 5.000)è Rada di Alessandro Abba Legnazzi.

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring