La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BLACK NIGHTS 2014

email print share on facebook share on twitter share on google+

Yvone Kane: il passato è una terra straniera

di 

- La regista Margarida Cardoso e l’attrice Beatriz Batarda di nuovo insieme in un dramma familiare dai contorni politici e girato in Africa

Yvone Kane: il passato è una terra straniera
Beatriz Batarda in una scena di Yvone Kane

Nel suo nuovo film, Yvone Kane [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, la regista portoghese Margarida Cardoso torna in Africa per raccontare la storia di due donne tormentate dai fantasmi della morte. E partendo da queste, immagina anche la storia di un paese immaginario, preso alla sprovvista dalla sua storia post-coloniale.

Le due donne sono madre e figlia, ma sono anche un esempio di come i legami di sangue non sempre significhino vicinanza emotiva. Sara (interpretata dalla veterana attrice brasiliana Irene Ravache) è medico, bianca, ex guerrigliera, che ha lottato e appoggiato una rivoluzione africana in tutto simile alla rivoluzione cubana. La sua amica Yvone Kane è un Che Guevara in versione femminile e locale, ovviamente mitizzata dopo la sua uccisione. L’impegno politico di Sara le è costato la sua vita familiare. Ha mandato i suoi figli in Portogallo e da allora è rimasta in Africa. Ora la sua lotta non è politica, bensì contro un cancro terminale. Sua figlia Rita (la portoghese Beatriz Batarda) è una giornalista che intende indagare sulla morte di Yvone Kane. Per questo, torna al paese della sua infanzia e a casa di sua madre. Se il fantasma della morte imminente aleggia su Sara, su Rita aleggia quello della morte recente di sua figlia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)


Partendo da queste storie personali, Cardoso – che ha anche firmato la sceneggiatura del film – ha deciso di non concentrarsi esclusivamente su un dramma familiare femminile e femminista. Il suo obiettivo è più ampio: comporre, come se si trattasse di un puzzle, frammenti di un paese senza nome, anch’esso scosso dalla morte e dall’eredità della guerra.

Di questa eredità resta la frattura tra i locali e i colonizzatori, resta il razzismo e l’impossibilità di una piena integrazione, di cui il personaggio di Sara è l’esempio più chiaro. E’ il ritratto di un paese specchio delle tragedie umane e dei loro possibili superamenti che Cardoso filma in modo affascinante, ma anche mantenendo una certa distanza: una distanza che si rivela efficace per mostrare il sentimento di estraneità e di stupore dei personaggi e, di conseguenza, dello spettatore.

Come A Costa dos Murmúrios, che nel 2004 già aveva riunito il duo Cardoso-Batarda, Yvone Kane è stato girato in gran parte in Mozambico. Lì l’accurata fotografia di João Ribeiro ha tratto beneficio dai paesaggi e dagli ambienti, captando la sua bellezza e sottolineando i suoi contorni più tragici. L’esempio più clamoroso di ciò è l’hotel dove il personaggio di Rita si stabilisce fino alla fine del filme, simbolo di saccheggio e ricostruzione.

Yvone Kane è una coproduzione tra Portogallo (Filmes do Tejo II) e Brasile (MPC & Associados). Dopo l’anteprima mondiale la scorsa estate, in occasione di una proiezione speciale alla Fondazione Gulbenlkian, a Lisbona, Yvone Kane è stato presentato la settimana scorsa in concorso al Black Nights Film Festival, a Tallin. Tra qualche giorno lo si potrà vedere al 18° Festival del Cinema Luso-Brasiliano di Santa Maria da Feira. La distribuzione commerciale nelle sale portoghesi è prevista per febbraio 2015.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

CASI HECHO Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring