Spoor (2017)
Laissez bronzer les cadavres (2017)
I Am Not a Witch (2017)
Handia (2017)
Valley of Shadows (2017)
The Square (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

INDUSTRIA Grecia

email print share on facebook share on twitter share on google+

La Hellenic Film Academy presenta uno studio sull'industria locale

di 

- Sottolineate la mancanza di incentivi fiscali e la burocrazia estensiva come i principali problemi del paese, e il Ministro della Cultura promette di occuparsene

La Hellenic Film Academy presenta uno studio sull'industria locale
Una foto scattata alla presentazione dello studio (© Yiannis Soulis)

La mancanza di incentivi e una burocrazia estensiva sono apparentemente i principali ostacoli ai tentativi dell'industria locale di creare un appeal più focalizzato verso l'esterno, come ha rivelato uno studio presentato dalla Hellenic Film Academy (HFA) martedì. Commissionato da HFA e dalla Fondazione Onassis, lo studio è stato condotto dalla Foundation for Economic and Industrial Research, e illustrata nel corso della presentazione dal suo consulente scientifico, il professor Aggelos Tsakanikas.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il potenziale di crescita dell'industria è stato il punto principale della presentazione di Tsakanikas, che ha sottolineato: “La produzione di 20 film per anno con un budget di circa €450.000 potrebbe portare a una crescita di €14.2M nel PIL del paese, creando 272 nuovi posti di lavoro nell'economia”. Il portavoce della Fondazione Onassis Afroditi Panagiotakou ha sottolineato: “La Fondazione potrebbe essere presto interessata a investire nella produzione cinematografica, ed è utile sapere cosa significano €450.000 in termini di supporto all'economia locale”.

Il riferimento alle capacità co-produttive del paese, Tsakanikas ha aggiunto: “Un investimento di €25M in una grande produzione europea potrebbe far crescere il PIL di €39M”, sebbene l'assenza di una Film Commission ben organizzata e funzionante alleggerirebbe il peso della vasta burocrazia greca sui permessi per girare, ritenuti un ostacolo cruciale.

“Non è del tutto vero”, ha dichiarato il direttore del Greek Film Center (GFC) Grigoris Karantinakis, contattato subito dopo da Cineuropa, in relazione al commento sul mancato funzionamento dell'attuale Film Commission. “La Film Commission esiste all'interno del GFC, e veniamo incontro ai bisogni delle persone. Il problema è che il ministero di riferimento si rifiuta di lavorare con noi e di semplificare le procedure, e siamo devastati dagli obblighi di un memorandum che ci impedisce di avere il personale necessario”.

Nonostante il Vice-Ministro della Cultura Angela Gerekou, che si occupa del cinema, non fosse presente, il portavoce Panagiotis Tsiligiannis ha assicurato ai partecipanti che il Ministro è già impegnato nell'implementazione delle misure necessarie a supportare l'industria locale in tutti gli aspetti summenzionati. “Le azioni intraprese non sono ancora pronte, ma stiamo pianificando gli annunci entro la fine dell'anno”, ha aggiunto.

(Tradotto dall'inglese)

Astra
EPI Distribution
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss