Western (2017)
120 battements par minute (2017)
Jupiter's Moon (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
A Ciambra (2017)
Ava (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BOX OFFICE Israele

email print share on facebook share on twitter share on google+

Un 2014 radioso per l'industria cinematografica israeliana

di 

- Il settore ha conseguito risultati impressionanti lo scorso anno e spera in una replica nel 2015

Un 2014 radioso per l'industria cinematografica israeliana
Zero Motivation di Talya Lavie

L'industria cinematografica israeliana può rilassarsi per qualche istante poiché il 2014 pare essere l'anno migliore di sempre per il settore. La vendita di 1,6 milioni di biglietti nel corso dell'anno è la prova che il pubblico israeliano ripone davvero la propria fiducia nei film del Paese. I dati sono arrivati in un momento in cui l'industria cinematografica israeliana sta cercando di consolidare le sue prestazioni da record, nella speranza che questo successo non rimanga un caso isolato.

La ragione principale di questi risultati spettacolari è il fatto che l'industria ha dimostrato di saper produrre film di altissima qualità, affrontando tematiche che hanno destato l’interesse del pubblico tanto da totalizzare un numero impressionante di biglietti venduti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Zero Motivation è stato il film israeliano di punta, registrando quasi 590.000 presenze, ma di fatto, ben sette film hanno venduto più di 100.000 biglietti ciascuno. Talya Lavie, la regista, spiega il successo ottenuto dal film: "In primo luogo, ha un grande cast, e il pubblico è stato conquistato dai personaggi. Inoltre, penso che il film sia davvero autentico, e la gente in Israele ha sentito che era stato fatto per loro, e non per ‘compiacere’ occhi stranieri. Abbiamo una lunga tradizione di film militari in Israele, ma non molti su chi svolge un lavoro sedentario, quindi il film è stato significativo perché ha permesso a molti di indentificarvisi. Sono contenta che così tante persone abbiano potuto vedersi rappresentate, trovando il film divertente e triste allo stesso tempo".

Mentre negli anni passati i temi dei film israeliani erano delicati e spesso focalizzati su argomenti quali il conflitto israelo-palestinese, il 2014 si è rivelato "l'anno della commedia". Oltre a Zero Motivation, altri tre film di successo erano commedie: Hill StartKicking Out Shoshana e The Farewell Party [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tal Granit & Sharon Maymon
scheda film
]
. Questo dimostra che la risata potrebbe essere il miglior rimedio per le pressioni della guerra che il pubblico israeliano ha vissuto.

L'anno di successi sottolinea anche il crescente ruolo delle donne israeliane sulla scena locale. In passato, pochissime registe e produttrici si erano fatte notare all'interno dell'industria cinematografica israeliana; e invece, Zero Motivation, Gett: The Trial of Viviane Amsalem [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, The Farewell Party e Orange People sono tutti diretti da donne, e hanno anche riscosso notevoli consensi ai festival internazionali.

Tradizionalmente, quando gli olivocoltori in Israele hanno un buon raccolto, l'anno successivo ne hanno uno disastroso. Tuttavia, l'industria cinematografica in Israele spera che il 2015 sia florido come il 2014, ma comprende anche la complessità di questo fragile settore e può solo sperare per il meglio.

(Tradotto dall'inglese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Italian Pavilion Cannes